Suazo: “Scudetto del centenario? Fantastico. Oggi l’Inter…”

Articolo di
16 ottobre 2016, 12:47
Suazo

David Suazo, ex attaccante di Inter e Cagliari, oggi vedrà affrontarsi le due squadre più importanti della sua carriera. In un’intervista rilasciata al “Corriere dello Sport”, ha ricordato il periodo in nerazzurro e parlato del match di oggi

PERDONO – «Zanetti mi perdonerà o magari mi manderà in panchina in tutte le prossime gare (Suazo gioca nell’Inter Forever, ndr) – ci ha detto sorridendo -, ma il mio cuore batterà per gli Cagliari. Sarò a Milano, ma non a San Siro perché il match inizierà alla stessa ora di quello della mia squadra contro il Milan. Peccato, mi sarebbe piaciuto rivedere Javier, Toldo e tanti altri amici».

PARTITA – «Il Cagliari ha tutto per mettere in difficoltà l’Inter. Si troverà di fronte una grande avversaria e in trasferta finora i risultati non sono stati eccezionali, ma Rastelli è bravo e meritava di avere qualche punto in più in classifica. Borriello leader? Sta lavorando davvero bene e dopo la scorsa stagione un po’ così tra Carpi e Atalanta, è partito alla grande. È uno dei leader del gruppo».

RICORDI – «Vincere il campionato 2007-08 nell’anno del centenario è stato fantastico. Un rammarico? Non ero a Madrid ad alzare la coppa perché me n’ero andato a gennaio (al Genoa, ndr), ma una presenza in quella Champions l’ho fatta». 

CAMPIONATO – «De Boer? E’ bravo ed è giusto che gli venga dato tempo per plasmare la squadra che ha in mente e per trovare continuità. Juventus favorita? Dopo la campagna acquisti che ha fatto, è la favorita per il tricolore. Alle sue spalle dico Napoli, Inter e Roma».

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Crescenzo Greco

Crescenzo Greco

Crescenzo Greco, nasce a Foggia il 20 aprile del 1995. Grazie a sua zia è interista fin da bambino. Josè Mourinho l’idolo incontrastato, Adriano quello d’infanzia. Dopo aver raggiunto la maturità scientifica si è trasferito a Milano per inseguire il sogno di diventare giornalista sportivo e studiare “Comunicazione e Società” presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.