Sta nascendo l’Inter di de Boer – GdS

Articolo di
20 settembre 2016, 11:08
De Boer

La “Gazzetta dello Sport” scrive che nel fuoco della sconfitta con l’Hapoel e della vittoria contro la Juve si sta forgiando l’Inter di de Boer. Il tecnico esce rafforzato dalla prima vera prova che ha dovuto sopportare sulla panchina nerazzurra.

MOMENTI CRITICI – Sono state davvero ore critiche in casa Inter quelle successive all’umiliante sconfitta casalinga di giovedì scorso contro i campioni d’Israele dell’Hapoel Beer Sheva. Ore di forte pressione generale, ore in cui de Boer era sembrato in gravi difficoltà, in scarsa sintonia con il gruppo, sia caratterialmente sia sotto il profilo tecnico, vicino insomma alla spallata decisiva proprio alla vigilia del confronto con i «cannibali» di Massimiliano Allegri. Nel frattempo, attorno ad Appiano si era fatto pressante anche lo scetticismo dei tifosi nei confronti dell’olandese.

MURO – È qui secondo la “Gazzetta dello Sport” che sono però saliti in cattedra il vicepresidente Zanetti, il Cfa Gardini e il d.s. Ausilio: prima con la stampa e poi direttamente sul campo, i tre hanno blindato la posizione di Frank de Boer, usando in particolare coi giocatori poca carota e parecchio bastone: respinti tutti gli alibi per la figuraccia di coppa; sancita la tolleranza zero contro ogni tipo di mugugno o atteggiamento poco professionale dentro e fuori dal campo; gerarchie annullate a livello di formazione, gioca chi sta meglio, a prescin-dere dai «nomi».

LA SQUADRA HA CAPITO – Giorni ad alta tensione dunque, che hanno consegnato pieni poteri a de Boer. Un blitz interpretato nel giusto modo dalla squadra, che fra venerdì e la rifinitura di sabato ha digerito video su video e intensissime sedute tattiche (il pressing altissimo che ha mandato in tilt la Juve è stato provato a lungo sabato), compattandosi però soprattutto a livello di gruppo. La vittoria contro l’armata bianconera è stata la ciliegina finale.

DETTAGLI – Due- tre segnali indicano che è forse davvero sbocciata l’Inter di de Boer, che sta nascendo una squadra vera: piuttosto temuta inizialmente, è stata confortante la risposta da panchinaro di Perisic, subito cattivo e decisivo una volta gettato nella mischia; sincera poi l’esplosione della panchina nerazzurra nel travolgere lo stesso Perisic dopo il 2-1; hanno quindi colpito parecchio i tanti consigli di Jovetic (uno ai margini del progetto fino a un paio di settimane fa) al baby Miangue poco prima dell’ingresso in campo. Ora serve una conferma ad Empoli.

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Giulio Di Cienzo

Giulio Di Cienzo

Giulio Di Cienzo, nasce a Milano e si costruisce negli anni una passione per il calcio equamente divisa tra razionalità e passione. La parte più calda sta in Sudamerica, l’unico tifo è per l’inter.