Squinzi: “Cinesi? Business. Senza Moratti non è uguale”

Articolo di
2 ottobre 2016, 12:20
Squinzi

Giorgio Squinzi ha parlato dell’ingresso dei cinesi nel calcio italiano ai microfoni della “Gazzetta dello Sport”. Il patron del Sassuolo sottolinea le motivazioni dell’ingresso degli investitori asiatici nel calcio, promuovendo la passione di Berlusconi e Moratti. Ecco le sue parole

SQUINZI, MORATTI E I CINESI – «Che effetto le fa la trattativa con Sino-Europe per il Milan? E’ difficile capire che stia succedendo, anche da tifoso rossonero. Di sicuro, i cinesi non investirebbero per passione ma solo per business. E’ lo stesso problema dell’Inter, senza la passione di Moratti e Berlusconi non sarà la stessa cosa. Conferma di non aver mai pensato di comprare il Milan? E’ un impegno non da poco, soprattutto se sono vere le cifre che si sentono. Non ho lavorato una vita, e con me la mia famiglia, per comprare il Milan».

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Alessandro Basta

Alessandro Basta

Alessandro Basta ha 19 anni e vive a Cosenza, dove è nato. Inizia a scrivere a 13 anni per un piccolo forum sportivo, per poi proseguire la sua attività di scrittura per un blog calcistico, in uno spazio dedicato interamente all’Inter, dove scrive editoriali. A 17 anni, arriva l’esperienza maggiormente formativa, presso InterCafè, blog in cui crescono contestualmente passione, ambizione ed esperienza rispetto alla scrittura sull’Inter. Tifoso interista fin dalla nascita, non potrebbe vivere senza.