Spinesi: “L’Inter ha margini di miglioramento”

Articolo di
13 settembre 2016, 19:31
Spinesi

L’ex attaccante nerazzurro ha analizzato la situazione attuale dell’Inter ritenendo che ci siano grossi margini e parlando anche dell’imminente sfida alla Juventus

Intervistato da Tuttomercatoweb, l’ex attaccante nerazzurro Gionatha Spinesi ha parlato del momento attuale della squadra nerazzurra: «L’Inter ha mostrato situazioni positive e altre negative. Col Palermo mi aspettavo una goleada e così non è stato, col Pescara entrambe le squadre hanno lottato per la vittoria ed è andata bene alla formazione meneghina nel finale. Manca qualcosa, ci sono lacune che si sono viste in tutte le gare. Per questo ci sono ancora grossi margini di miglioramento, c’è qualità nei singoli calciatori, ma non è stata ancora trovata la quadratura. Manca compattezza di squadra e tra i reparti, per fortuna c’è Icardi che appena tocca un pallone riesce a fare gol».

LA SFIDA ALLA JUVENTUS- «Sono curioso di vedere l’Inter in una grande sfida come quella contro la Juventus. I bianconeri sono partiti benissimo, a differenza dell’anno scorso. De Boer ha tanto da lavorare, ma deve dare compattezza tra i reparti. L’esame contro i bianconeri sarà importantissimo. Con una vittoria, si acquisirebbe fiducia e consapevolezza nei propri mezzi. Affrontare la Juve adesso o tra due mesi è quasi indifferente, perché la Vecchia Signora ha la squadra più forte d’Italia, ha una mentalità vincente e una rosa ampia. La Juve tira fuori qualcosa in più soprattutto in queste gare, per de Boer sarà un esame attendibile per conoscere la vera Inter e per capire se riuscirà davvero a svoltare a breve».

DIFFERENZE TRA JUVE E INTER- «La Juventus ha comunque abitudine a giocare tre gare nel giro di una settimana, l’Inter è da valutare in tal senso. Perché la rosa bianconera è ampia e di qualità in tutti i suoi uomini, i nerazzurri devono comunque schierare la miglior formazione per ambire a fare bene in Europa League. La Juventus, ovviamente, è più abituata a tenere testa al doppio impegno».

Facebooktwittergoogle_plusmail