Sconcerti: “Più che l’Inter di Pioli questa è l’Inter di Zhang”

Articolo di
9 gennaio 2017, 14:45
sconcerti

Mario Sconcerti ha parlato dell’Inter nel suo editoriale per il Corriere della Sera soffermandosi non tanto sulla vittoria di ieri contro l’Udinese ma sulla nuova proprietà che sembra essere riuscita a compattare la squadra.

PROPRIETA’ PRESENTE – «La diversità dell’Inter intanto non si vede nel gioco quanto nell’insistenza a rimanere in partita. Gare come quella di Udine sarebbero state perse alla fine del primo tempo. Questa è una mentalità nuova e non è solo nelle mani di Pioli. Per la prima volta si comincia ad avvertire il calore di una società, la presenza di un progetto anche personale. Zhang non sarà uno di noi, ma si comporta come se lo fosse, è abbastanza contagioso. Forse è arrivata la carezza dei soldi, il calcio va sempre nella direzione dei soldi, ma è come si fosse avvertito che ci sono davvero, che c’è un padrone generoso e che va assecondato. Più che dell’Inter di Pioli, credo si debba per la prima volta parlare dell’Inter di Zhang. C’è una squadra riunita intorno al suo camino. C’è un senso, un sentimento. Questo i giocatori, tutti sempre molto avidi, sono i primi a sentirlo».

Facebooktwittergoogle_plusmail