Sconcerti: “Borja mezzo grande giocatore. Inter ko in 2 modi”

Articolo di
17 dicembre 2017, 17:52
Mario Sconcerti

Intervenuto sulle colonne del “Corriere della Sera”, il giornalista Mario Sconcerti ha scritto il suo consueto editoriale spiegando anche le ragioni che secondo il suo parere hanno determinato la sconfitta dell’Inter ieri contro l’Udinese

“QUESTE LE MANCANZE DELL’INTER” – «L’Inter ha perso la partita a inizio secondo tempo quando ha sostituito Brozovic (nel ruolo) con Borja Valero e quando non si è accorta che l’Udinese aveva cambiato modo di difendersi, lo faceva correndo in avanti, quasi attaccando. Borja Valero è un mezzo grande giocatore, fa tutto lo spiegabile, ma per il trequartista di una squadra di vertice è poco. Il problema è annoso perché Borja comunque tocca decine di palloni mentre un trequartista vero ne tocca molti meno ma più importanti. Così l’Inter è rimasta a metà fra un avversario intraprendente e una propria manovra interrotta. Lì ha avuto la sfortuna degli episodi, che sono la giustizia del calcio nelle partite sbagliate. Il gioco era lento, Spalletti ha cambiato due terzi del centrocampo, se n’era accorto anche lui. Fra le tante cose che ha, all’Inter mancano le idee di un attaccante in più, qualunque sia il suo ruolo. O, meglio, centrocampisti che sappiano anche segnare. L’Inter ha solo Brozovic, che è incostante. Il resto sono giocatori d’ordine, non vanno nemmeno al tiro. Ma discutere l’Inter adesso sarebbe inverosimile. Manca un Saul, un Martinez, un Hazard, ma quante cose mancano agli altri?».