Samuel: “Inter? Flessione normale, Icardi simile a Batistuta”

Articolo di
18 gennaio 2018, 14:44
Walter Samuel Lugano

Walter Samuel ha parlato dello scontro diretto di domenica sera tra Inter e Roma nel corso di un’intervista concessa all’inviato di Sky Sport Angelo Mangiante durante la quale si è soffermato anche su Mauro Icardi.

SCONTRO DIRETTO – «Sono due piazze diverse, Roma è stata la mia prima esperienza in Europa e per fortuna nel mio primo anno ho trovato gente con esperienza come all’Inter che c’era un misto tra esperienza e gioventù. Ho vissuto tutte e due le esperienze alla grande e me le sono godute anche se a Roma sono stato meno che all’Inter ma mi rimane un grandissimo ricordo. La Roma di Capello e l’Inter di Mourinho simili? Sì, due squadre miste tra gente d’esperienza e giovani. I due allenatori hanno dato una quadratura importante, erano due squadre molto solide. L’Inter di Spalletti? Mi piace, sono andato a vederla solamente una volta. Adesso hanno avuto una piccola flessione ma in un campionato così lungo ci sta e hanno cominciato molto forte. Adesso hanno una partita importante con la Roma e si vedrà perché tutte e due vogliono andare in Champions. Batistuta e Icard? Sono uomini di area, ci sono tantissime similitudini perché anche Icardi ha bisogno di cross e assist per concludere, non sono uomini che vanno a prendere i palloni per giocare. Dzeko e Icardi? Scelta difficile, sicuramente Dzeko per stazza e mobilità fuori dall’area è molto importante ma Icardi è più uomo di area, Dzeko è differente. Fazio? Mi piace anche la sua tranquillità, ha una bella stazza e avere un fisico così aiuta. Spalletti si è imposto subito all’Inter, la flessione è normale ma adesso inizia la seconda parte del campionato e lì si dovranno vedere le due squadre. Cosa manca per lo Scudetto? Io penso che hanno giocatori importanti, forse manca qualcosa a livello di panchina perché se uno guarda la Juve ha tantissimi giocatori importanti, poter migliorare la rosa sarebbe un punto di forza per tutte e due. Pronostico? Sono tutte e due in difficoltà, mi auguro che possano arrivare tutte e due in Champions e mi piacerebbe vederle. Allenare l’Inter e la Roma? Devo ancora mangiare tanto, ho fatto un piccolo percorso con Pioli e adesso sono a Lugano, guardo al presente e poi vedrò che vorrò fare».







ALTRE NOTIZIE