Rizzoli: “Inter-Fiorentina, Tagliavento poteva non vedere replay”

Articolo di
22 agosto 2017, 12:25
Paolo Tagliavento Inter-Fiorentina

Intervistato dal quotidiano “La Gazzetta dello Sport”, il nuovo designatore della CAN A Nicola Rizzoli ha dato un giudizio sulla prima giornata di Serie A, quella in cui c’è stato il debutto del VAR. Su Inter-Fiorentina si è soffermato sui due episodi in cui l’arbitro Paolo Tagliavento ha fatto ricorso alla tecnologia ma senza verificare direttamente al video.

MOVIOLA«Il VAR sul rigore in Inter-Fiorentina? Il controllo va fatto, ma dovrà diventare silente. A Milano è passato troppo tempo e a quel punto per trasparenza era giusto renderlo pubblico. Il contatto fra João Miranda e Giovanni Simeone non rivisto? Il protocollo prevede anche questa soluzione, sicuramente Paolo Tagliavento avrebbe potuto anche andare al monitor ma non sarebbe cambiato il risultato: quel contatto può essere interpretato in modo soggettivo e quindi non è un episodio chiaro, condizione essenziale per il ricorso alla tecnologia. Ma agli occhi degli spettatori il fatto che l’arbitro in campo vada a controllare il replay è più rassicurante. Perché è lui che decide, non il VAR. Le proteste della Fiorentina? Nessuno manca o ha mancato di rispetto. Come ho spiegato, Tagliavento poteva anche non rivedere il replay perché aveva ritenuto non punibile il contatto, il VAR ha valutato non fosse un chiaro errore. È tutto previsto dal protocollo, sul discorso che possa essere opportuno rivederlo in certe situazioni ne parleremo e faremo tesoro delle esperienze. Siamo all’inizio e qualche sbavatura potrà esserci, quello che da parte nostra non ci sarà mai è proprio la mancanza di rispetto».