Recoba: “Inter, è bello che tutti si ricordino di me”

Articolo di
23 agosto 2016, 18:53
Recoba

L’ex attaccante uruguagio è venuto a visitare l’Inter ad Appiano Gentile e ha colto l’occasione per parlare del suo passato e dell’attualità nerazzurra

Oggi l’Inter ha ricevuto la gradita visita di Alvaro Recoba. L’ex attaccante uruguagio ha parlato poi ai microfoni di Inter Channel, ecco le sue parole riportare da inter.it: «Sono in Italia da qualche giorno e l’altro ieri ho visto la gara contro il Chievo. Penso che il cambio di allenatore abbia influito sul risultato, ci vuole del tempo per ambientarsi al meglio. Non venivo ad Appiano Gentile da quando avevo lasciato l’Inter, è sempre bello tornare e ritrovare tanti amici. Ho lasciato bellissimi ricordi e se guardo la mia carriera più della metà l’ho trascorsa con questa maglia. A volte mi viene nostalgia di tornare a vivere in Italia, ma in Uruguay ho tutta la mia famiglia».

L’AFFETTO DEI TIFOSI- «Dopo tanto tempo è molto emozionante incontrare i tifosi dell’Inter per le strade di Milano, ho vissuto qui molti anni e questa società mi ha dato tanto».

I RICORDI PIU’BELLI IN NERAZZURRO- «Indubbiamente l’esordio è stato indimenticabile, come la vittoria della Coppa Uefa e dello Scudetto. A livello personale penso che il gol del 3-2 con la Sampdoria sia stato fantastico».

L’EUROPA LEAGUE- «L’Inter deve puntare alla vittoria di questa competizione, per ripartire in Europa deve giocare al 100% tutte le partite. Ci vuole umiltà per tornare ad essere grandi. Mi ha fatto molto piacere che Toldo, Zanetti e Zamorano siano venuti alla mia partita di addio, è un’emozione che mi rimarrà per sempre. Sono contento che le persone si ricordino ancora di me».

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Alessandro Cocco

Alessandro Cocco

Nato e cresciuto in Sardegna, vive attualmente a Roma dove studia storia moderna e contemporanea presso l'Università Sapienza. Tifa Inter fin da bambino, ma segue con attenzione anche il calcio estero dove le sue squadre "simpatia" sono Liverpool, Atletico Madrid ed Hercules Alicante (per l'unico motivo che ad Alicante ci ha vissuto un anno durante il suo erasmus). Scrive anche su bundesligapremier.it