Recalcati: “Icardi? Come non ci fosse, ma è importante perché…”

Articolo di
20 novembre 2015, 16:20

Le poche reti segnate dall’Inter in queste prime giornate di campionato ha messo sotto analisi il reparto avanzato dei nerazzurri e in particolare Mauro Icardi, capocannoniere nella passata stagione attualmente autore di soli 3 gol in 10 partite. Paolo Bargiggia e Christian Recalcati hanno analizzato la situazione dell’argentino, con un occhio al prossimo mercato

ICARDI – Nel corso del programma sportivo “442” in onda su Sport Mediaset, Christian Recalcati ha spiegato che il modulo utilizzato da Roberto Mancini non aiuta Icardi a esprimersi al meglio e, viceversa, l’attaccante non riesce ad aiutare la squadra come il tecnico vorrebbe. Il centravanti, che due anni fa, a questo punto della stagione, segnò 2 gol in 6 presenze e l’anno scorso 7 gol in 12 presenze, quest’anno ha segnato 3 gol in 10 partite e, secondo Recalcati:
«L’Inter avrebbe bisogno di un attaccante meno statico rispetto a Icardi. In questo momento Icardi non c’è, resta una pedina importante per l’Inter perché è giovane.»

PIRLO – Il capitano nerazzurro avrebbe forse bisogno di un centrocampista in grado di lanciarlo in profondità e, a questo proposito, si fanno i nomi di Andrea Pirlo e di Sofiane Feghouli. Questo il parere dell’esperto di mercato Paolo Bargiggia:
«Al 95% Pirlo non si muoverà da New York, se Feghouli lascerà Valencia potrebbe andare all’Inter.»