Ranocchia:”De Boer ha idee nuove, ci spinge a rischiare”

Articolo di
17 agosto 2016, 11:08
Ranocchia

Seconda parte dell’intervista ad Andrea Ranocchia sul “Corriere dello Sport”. Il difensore nerazzurro parla dell’addio di Roberto Mancini e dell’arrivo di Frank de Boer.

L’IMPATTO DI FRANK – Ranocchia nella sua intervista al “Corriere dello Sport” parla dell’impatto di de Boer sullo spogliatoio dell’Inter: «E’ arrivato da poco e il tempo di lavorare tutti insieme è stato poco. In Irlanda contro il Celtic abbiamo fatto bene e ci siamo sforzati di mettere in pratica quello che lui ci ha chiesto. E’ stato un primo passo importante, ma il cammino è lungo».

IDEE NUOVE – Sulle idee dell’allenatore olandese il difensore aggiunge: «Non mi sembra corretto parlare di chi non c’è più o fare paragoni. Mi limito a dire che de Boer ci spinge a rischiare, a pressare alto per riconquistare il pallone più avanti. Vuole che i suoi concetti ci entrino in fretta nella testa e nella riunione in cui ci ha spiegato quello che si aspetta da noi in campo, mi sono piaciute le sue idee. E’ un modo nuovo di giocare che dobbiamo imparare a mettere in pratica».

ESONERO IMPROVVISO – Ranocchia racconta che l’esonero di Mancini è stata una scelta a sorpresa: «E’stata una scelta che ha sorpreso sia me sia i miei compagni, anche perché è accaduto tutto in mezza giornata. Alle 13 il Mancio ci aveva dato appuntamento per l’allenamento del giorno successivo e poi è successo quello che tutti sapete. Non voglio entrare nel merito della decisione perché certe scelte sono di competenza dei dirigenti, non mia. Quando un allenatore va via è una cosa poco positiva per chiunque lavora per il club, dai calciatori ai magazzinieri, ma adesso c’è una nuova avventura da portare avanti nel migliore dei modi per il bene dell’Inter».

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Giulio Di Cienzo

Giulio Di Cienzo

Giulio Di Cienzo, nasce a Milano e si costruisce negli anni una passione per il calcio equamente divisa tra razionalità e passione. La parte più calda sta in Sudamerica, l’unico tifo è per l’inter.