Prohaska: “Inter-Roma, pareggio inutile. San Siro e Milano…”

Articolo di
16 gennaio 2018, 18:40

Herbert Prohaska, ex calciatore di Inter e Roma, ha rilasciato un’intervista a “IlRomanista”. L’austriaco ha toccato svariati temi, tra cui l’imminente sfida tra le due squadre e il suo passato a Milano. Ecco le sue parole

INTER-ROMA – «Sarà fondamentale sia per una sia per l’altra. Il pareggio non serve a nessuna delle due, soltanto chi vince potrà considerarsi ancora in lotta per lo Scudetto. Altrimenti Napoli e Juve scapperanno via in modo definitivo e non ci sarà più nulla da fare. A quel punto l’obiettivo resterà un piazzamento in Champions League». Su chi sia favorita ha risposto: «Non c’è una vera favorita ma vedo bene la Roma. I giallorossi finora mi sono piaciuti di più in trasferta, anche nelle gare che non sono riusciti a vincere. Le peggiori prestazioni le hanno giocate in casa: la sconfitta con l’Atalanta è stata brutta, il pari contro il Sassuolo lo è stato ancor di più. Strano ma vero: la Roma va meglio in trasferta, se ripenso ai miei tempi… ».

IL PERIODO ALL’INTER – «Arrivavo dall’Austria, Milano era un altro mondo. Il campionato italiano a quei tempi era il massimo per un calciatore, c’erano tutti i più forti. Non come adesso. Ambientarmi non è stato facile inizialmente, poi sono cresciuto: avevamo una buona squadra e giocammo la Coppa dei Campioni arrivando fino alla semifinale. Ricordo che la Coppa dei Campioni era un’ossessione, si parlava sempre degli anni 60, dei trofei vinti dalla Grande Inter, e di una storia importante che no si riusciva a ripercorrere di nuovo. San Siro era sempre pieno. Anche Milano è una bella città».







ALTRE NOTIZIE