Pistone: “Inter in crescita, ma è presto per giudicare”

Articolo di
23 settembre 2016, 18:25
Pistone

L’ex difensore nerazzurro parla dei progressi mostrati dall’Inter nelle ultime giornate di campionato, ma anche di Icardi, dei nuovi acquisti e del tecnico de Boer

L’ex difensore dell’Inter Alessandro Pistone, intervistato da TMW Radio, ha parlato della crescita dimostrata dall’Inter nel recente periodo e certificata dalle tre vittorie consecutive in campionato: «Nelle ultime 2-3 partita si è vista una squadra in netta crescita, una squadra che cerca di sfruttare la grande qualità tecnica di cui è dotata. Certo, è troppo presto ancora per dare giudizi, ma è confortante bene una squadra che riesce a giocare bene».

MAURO ICARDI- «Sul suo valore nessuno ha mai avuto dubbi, anzi, è ancora giovane ed ha grandi margini di miglioramento. Le voci di mercato? Abbiamo dovuto aspettare la fine di agosto per avere una risposta definitiva, anche se lui ha sempre dichiarato di voler restare».

BANEGA E JOAO MARIO- «Sono due ottimi giocatori, sono rimasto impressionato dal portoghese. Si è integrato bene, facendo vedere subito tutte le sue qualità. Banega è un ottimo giocatore, ma è ancora un po’ altalenante».

FRANK DE BOER- «Ad ogni allenatore serve tempo, è ancora presto per giudicarlo. Ha esperienza internazionale, anche se il calcio italiano è diverso da tutti gli altri. È molto più tattico, tutte le squadre sanno giocare a calcio e a discapito dello spettacolo preferiscono chiudersi e ripartire: questo rende tutto più difficile per un allenatore che era abituato a giocare a viso aperto».

GABIGOL- «È molto giovane, ma ha già fatto vedere tutto il suo talento: anche per lui servirà tempo per farlo integrare con i compagni».

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Alessandro Cocco

Alessandro Cocco

Nato e cresciuto in Sardegna, vive attualmente a Roma dove studia storia moderna e contemporanea presso l'Università Sapienza. Tifa Inter fin da bambino, ma segue con attenzione anche il calcio estero dove le sue squadre "simpatia" sono Liverpool, Atletico Madrid ed Hercules Alicante (per l'unico motivo che ad Alicante ci ha vissuto un anno durante il suo erasmus). Scrive anche su bundesligapremier.it