Pioli non si ferma, vuole superare la media di Mourinho – CdS

Articolo di
27 gennaio 2017, 13:05
Stefano Pioli

Stefano Pioli, come evidenzia il “Corriere dello Sport”, sta mettendo in fila una serie di record incredibili per le premesse iniziali. Cerca la settima vittoria consecutiva in campionato e mira alla media punti stabilita all’Inter nei due anni di Mourinho.

COME MOURINHO – «L’unico che, limitatamente alla Serie A, regge il confronto con Pioli è José Mourinho che nei 2 campionati alla guida dell’Inter ha avuto una media punti di 2,45 a giornata. Numeri da Special One che tuttavia Stefano potrebbe superare in caso di vittoria domani sera con il Pescara: con 8 affermazioni, 1 pari e 1 ko in 10 giornate avrebbe una media di 2,5 punti a incontro. Alla lunga tenere questo ritmo sarà complicato perché il calendario proporrà nelle prossime settimane scontri diretti da brividi (contro la Juventus allo Stadium e contro la Roma a San Siro), ma Pioli ha già fatto un mezzo miracolo a raddrizzare la stagione e a guadagnare ben 4 posizioni di classifica rispetto a quando è arrivato (dal nono al quinto posto).

MANCINI E STRAMACCIONI – Domani sera, oltre a superare Mourinho, Pioli potrebbe far meglio pure di Mancini che lo scorso anno alla ventiduesima giornata con l’Inter aveva collezionato 41 punti frutto di un grande girone d’andata (39 punti) e di una frenata nelle prime 3 giornate di quello di ritorno (2 pareggi più la debacle nel derby). Adesso l’Inter di punti ne ha 39 e con i 3 da conquistare contro la formazione di Oddo, Icardi e compagni arriverebbero a 42. E Stramaccioni? Lui con l’Inter ha ottenuto 7 successi di fila in Serie A dal settembre al novembre 2012 ed è stato quello che, negli ultimi 5 anni, ha messo insieme la striscia più lunga. Pioli è a quota 6 e può eguagliarlo arrivando a 7 domani sera. Poi ci sarà la Juventus, la squadra che interruppe il suo filotto di 8 affermazioni alla Lazio nel 2014- 15. Spera che la storia non si ripeta e, dopo quella di mercoledì sera, è pronto a offrire un’altra cena alla squadra. Vincere gli piace troppo ed è pronto a… pagare per continuare a farlo».

Facebooktwittergoogle_plusmail