Pioli e Candreva: (ri)scocca l’amore per il bene dell’Inter – GdS

Articolo di
29 novembre 2016, 11:50
Antonio Candreva Inter-Fiorentina

Nell’ultimo anno alla Lazio, qualche frizione aveva fatto precipitare il rapporto tra i due. Adesso Candreva e Pioli sembrano aver dimenticato tutto per il bene dell’Inter. Con il nuovo tecnico, l’ala nerazzurra è esplosa, siglando due reti in due gare. Ecco il racconto della “Gazzetta dello Sport”.

NUOVO RAPPORTO – «In pochi mesi Antonio Candreva ha capito che cosa sia la pazza Inter. Più allenatori, tre, che gol segnati in campionato, due: lo ha voluto Mancini, lo ha allenato De Boer, si è sbloccato con Pioli, che a rigor di logica non dovrebbe essere il suo migliore amico. Alla Lazio qualche screzio c’era stato, il tecnico gli aveva anche tolto la fascia di capitano, però nel calcio c’è sempre modo di ripartire. Tanto è vero che appena arrivato Pioli si è premurato di precisare che lui non aveva alcun problema con Candreva e che anzi da Candreva si aspettava più di quanto avesse sempre dato sul campo, che era già moltissimo. Parole al miele per un giocatore che è stato il primo grande acquisto dell’era cinese, ma in Serie A prima del gol alla Fiorentina aveva segnato soltanto una volta, guarda caso nel derby che ha permesso all’Inter di agguantare il Milan nel finale e provare a rimettersi in marcia dopo l’amore mai nato con Frank de Boer. In pochi giorni due gol decisivi e anche un «assist» nell’avvio sprint con la Fiorentina. Il finale di partita non è stato quello che i tifosi speravano dopo aver visto tre gol in meno di venti minuti: d’altra parte, Candreva nell’intervallo era stato cauto. «La lezione in Israele deve essere recepita perché lì abbiamo fatto un secondo tempo imbarazzante e questo non deve accadere. Ma la partita è lunga». Chissà se lo diceva per diplomazia o perché pochi mesi gli sono bastati per capire la vena di follia intessuta nella maglia che porta».

Facebooktwittergoogle_plusmail