Pincolini: “Con de Boer l’Inter si allena in maniera più intensa”

Articolo di
24 settembre 2016, 14:44
pincolini

Vincenzo Pincolini, ex preparatore tra gli altri di Milan, Inter, Roma e della nazionale italiana, è stato intervistato da “Tuttosport” per parlare dei metodi di Frank de Boer e della scelta di concedere il venerdì libero alla sua squadra.

DE BOER SODDISFATTO – «In Inghilterra e in altri paesi è usuale dare un giorno libero come il mercoledì o il giovedì se non ci sono partite infrasettimanali. Devo ammettere che il venerdì è curioso. Per dare un giorno di riposo a così poche ore dalla partita, significa che De Boer è molto sicuro del lavoro svolto. Solitamente è difficile trovare una squadra in condizione a fine settembre, ma può essere che il tecnico olandese sia soddisfatto».

MAGGIORE INTENSITA’ – «Benefici? Se ha visto la squadra stanca, sì. Lui ha ovviamente portato un nuovo modo di allenare, con maggiore intensità rispetto alle nostre abitudini. Dunque se è convito di aver lavorato bene nei giorni passati, può approfittare di questo riposo per arrivare, secondo un gergo tecnico, a una super compensazione che porterà maggiore brillantezza nella prossima partita».

RIPOSO FONDAMENTALE – «Fa bene, nel calcio di oggi è fondamentale, soprattutto se si pensa ai tanti viaggi a cui sono sottoposti i giocatori. In Russia, per esempio, ricordo che dopo le lunghissime trasferte era normale rimanere in ritiro, dormire e allenarsi subito il giorno successivo. E’ quanto ha fatto per esempio De Boer dopo la trasferta di Empoli. Personalmente considero oggi molto più importante fare ritiro il giorno successivo alla partita che in quello precedente».

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Riccardo Melis

Riccardo Melis

Riccardo Melis (Cagliari, 1990), studente universitario quasi laureato (si spera) in Scienze della Comunicazione; adora leggere, parlare e sopratutto scrivere di calcio e cinema. Tifoso dell’Inter da quando aveva otto anni, ha superato brillantemente i suoi primi anni di tifo, più neri che azzurri, senza che la sua fede verso questi colori fosse scalfita di una virgola.