Paventi: “Inter, ecco le mosse per uscire da questa situazione”

Articolo di
23 agosto 2016, 20:25
de Boer

Frank de Boer ha subito capito come funziona il calcio italiano. Una sconfitta bruciante sul campo del Chievo Verona (organizzatissimo) ed una marea di critiche piovute sulla sua testa. Secondo “Sky Sport”, le mosse per uscire da questa piccola crisi sono chiare, anche se non tutte fattibili immediatamente.

PREPARAZIONE – Queste le parole di Andrea Paventi dagli studi di “Sky Sport”: «Serve prima di tutto recuperare una condizione fisica migliore, nei limiti del possibile. Sappiamo i problemi che ha avuto la tournée americana, con la squadra divisa a metà, e adesso urge un richiamo di preparazione, forse a metà settembre la squadra sarà più in palla in questo modo.

UN REGISTAPoi serve sicuramente un centrocampista centrale, che sia un vero e proprio regista o no. All’Inter manca dai tempi di Thiago Motta un mediano con determinate caratteristiche di qualità. Negli ultimi due anni si è capito che il solo Gary Medel non può bastare. Fatto sta, però, che l’Inter sul mercato non sta cercando un centrale ma una mezzala, come Joao Mario e Sissoko.

LE COLPE DI DE BOER Cosa può fare de Boer per non ripetere più gli errori? Non schierare più la sua squadra con la difesa a tre, perché la rosa non la digerisce. L’Inter chiede a de Boer quello che lui ha sempre fatto, ovvero una difesa a quattro e tre attaccanti. con quella scelta si è un po’ dato la zappa sui piedi, proprio lui che colpe ne ha pochissime in questo ambiente. De Boer in panchina è un allenatore che si muove molto, cerca di comunicare con la squadra in inglese e spagnolo, ma nella gara contro il Chievo sembrava ancora un po’ spaesato, cercava di capire meglio la dimensione della Serie A. In Olanda lo abbiamo osservato più libero e vivace, domenica sera in tono minore».

Facebooktwittergoogle_plusmail