Pastorella (Tuttosport): “L’Inter sta copiando la Juventus”

Articolo di
11 gennaio 2017, 11:49
Gardini Ausilio Zanetti

Alberto Pastorella, giornalista di “Tuttsport”, parla della nuova strategia dell’Inter proprio sulle pagine del quotidiano sportivo. Prima il colpo Gagliardini, ora l’assalto a Manolas per la prossima stagione: tutto è più chiaro in casa nerazzurra.

TALENTI ITALIANI – «La Juventus fa scuola. E l’Inter di Suning sta cercando di prendere il meglio dal club bianconero, con la prospettiva di poter diventare, quanto prima, un’alternativa allo strapotere bianconero. Le ultime mosse di mercato, in effetti, sembrano davvero aver preso ispirazione dai tradizionali rivali. Da un lato, l’Inter ha cercato di strappare alla concorrenza uno dei giovani più promettenti della nuova generazione. E ci è effettivamente riuscito, con un blitz deciso: Roberto Gagliardini da ieri è ufficialmente un giocatore nerazzurro. Un giovane italiano, perché anche una delle squadre più “straniere” di sempre, ha capito che senza un’anima italiana, di questi tempi, è difficile fare strada. Ma Gagliardini non è solo un indigeno che può garantire un dna nostrano: è anche un giocatore che era nella lista di tutti i migliori club italiani. Però è andato all’Inter, impedendo che le rivali si rafforzassero.

STRATEGIA – Adesso, le cronache raccontano di un’Inter molto calda su Manolas: non è italiano, ovvio, ma è uno dei pilastri della Roma, E allora, come la Juventus in estate ha rafforzata se stessa e indebolito le avversarie, con gli acuisti di Pjanic dalla Roma e di Higuain dal Napoli, ecco che anche Ausilio prova a mettere a segno un’operazione analoga, tale da poter ridurre la forza giallorossa, una delle rivali dell’Inter nella corsa Champions. Da tempo si è ormai capito che la mossa migliore di Thoihir da quando è all’Inter, è stato aver venduto a Suning. E queste operazioni confermano la bontà della nuova politica nerazzurra. Che magari, a livello di risultati, ha patito un po’ in questi primi mesi che hanno portato già a due esoneri. Ma il futuro non potrà non tingersi di nerazzurro, nel prossimo futuro. Sistemate le problematiche legate al fair play finanziario e ai “rossi” di bilancio confezionati da Moratti prima e da Thohir dopo, Suning potrà davvero riportare il club ai fasti di un tempo anche recente. I soldi ci sono, in quantità industriale; la strategia si sta costruendo, anche se con qualche errore di percorso; i risultati cominciano ad arrivare, seppure a singhiozzo. Un elemento alla volta, il puzzle del grande club, che sembrava essersi perso per strada, si sta pian piano ricomponendo».