Pasqualin: “De Boer ha bisogno di tempo”

Articolo di
16 settembre 2016, 17:47
Pasqualin

Il noto avvocato e procuratore sportivo ammette che i risultati al momento non stiano sorridendo all’Inter, ma ritiene che sia troppo presto per poter fare i processi al tecnico de Boer

Il giorno dopo la sconfitta in Europa League contro l’Hapoel Be’er Sheva soffiano già i venti di crisi sull’Inter e sul tecnico Frank de Boer, una crisi che viene analizzata così dall’avvocato e procuratore sportivo Claudio Pasqualin, intervistato da Tuttomercatoweb: «I risultati non sono soddisfacenti, quindi secondo i modi di fare italiani è normale che De Boer sia a rischio. Il materiale è di qualità, ma De Boer non è riuscito nel suo intento di assemblarlo al meglio».

ERA MEGLIO MANCINI?- «Che Mancini sia un ottimo professionista è chiaro. Poi ci sono altre situazioni, come il desiderio di fare il manager oltreché l’allenatore. Ma nel calcio non c’è mai la controprova. Mancini è un ottimo allenatore, la sua carriera proseguirà ad alto livello».

IPOTESI CAPELLO AL POSTO DI DE BOER?- «Per qualsiasi squadra sarebbe il top. Ma è un domatore di campioni e all’Inter alcuni devono dimostrare di essere dei campioni. Capello va bene sempre, è l’allenatore più affidabile insieme a Mourinho, Guardiola e Ancelotti. Però Capello deve avere almeno undici campioni a disposizione, l’Inter in questo momento non li ha».

ESONERARE DE BOER?- «No. È presto. Andrei avanti con De Boer, gli darei modo e tempo di assemblare la squadra. Senza farmi prendere dall’emotività del momento».

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Alessandro Cocco

Alessandro Cocco

Nato e cresciuto in Sardegna, vive attualmente a Roma dove studia storia moderna e contemporanea presso l'Università Sapienza. Tifa Inter fin da bambino, ma segue con attenzione anche il calcio estero dove le sue squadre "simpatia" sono Liverpool, Atletico Madrid ed Hercules Alicante (per l'unico motivo che ad Alicante ci ha vissuto un anno durante il suo erasmus). Scrive anche su bundesligapremier.it