Palmeri: “All’Inter vuoto di potere, de Boer proposto da Thohir”

Articolo di
3 novembre 2016, 00:20
Tancredi Palmeri

Tancredi Palmeri, giornalista di beIN Sports, ha parlato a “Zona 11 PM” dell’esonero di Frank de Boer da allenatore dell’Inter. Al programma di Rai Sport 1 ha sottolineato l’assenza di una coesione fra i vari gruppi dirigenziali e la mancata volontà da parte dell’olandese di affidarsi a un uomo che conosce il club.

SOCIETÀ SPACCATA«Il problema principale, a monte di tutto, è che all’Inter manca l’unione. C’è un vuoto di potere, perché non c’è questa figura dirigenziale plenipotenziaria, in quel momento fra una proprietà cinese che non ha alcuna conoscenza del calcio e dei dirigenti interni come Piero Ausilio e Giovanni Gardini che non hanno l’autorevolezza agli occhi della proprietà cinese per poter imporre il nome. L’unica unione è Erick Thohir, che non è un dirigente esperto di calcio. Aveva la passione di Frank de Boer in quel momento e l’ha proposta. Possiamo disquisire sul licenziare un allenatore all’8 agosto, ma quella situazione la fai lavorare. Non vai a prendere un allenatore che non parla ancora quella lingua e non conosce la squadra, il campionato e l’ambiente. Avrebbe fatto comodo avere un assistente italiano, non l’ha voluto. José Mourinho all’Inter aveva Beppe Baresi, sapeva l’importanza di avere un assistente che conoscesse il club, de Boer c’è andato a sbattere con il muso. Kia Joorabchian ha portato João Mário e spinto de Boer all’Inter, ora segnala Guus Hiddink».

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.

Riccardo Spignesi

Studente (ancora per poco) all’Università Statale di Milano. Redattore anche per SpazioCalcio.it e BetClic, estremamente fissato con il calcio.