Paganin: “Inter, essenziale l’aspetto psicologico”

Articolo di
6 dicembre 2016, 17:27
Massimo Paganin

L’ex difensore nerazzurro ha analizzato diverse tematiche riguardanti il mondo nerazzurro, da Pioli e Simeone passando alla situazione e ai problemi attuali della squadra

Intervistato da TWM Radio, l’ex difensore Massimo Paganin ha parlato di diverse tematiche inerenti all’Inter e ai problemi che attualmente affliggono la squadra nerazzurra, a cominciare dal lavoro dell’attuale tecnico Stefano Pioli: “L’Inter sta facendo fatica a sostenere dei ritmi elevati, nonostante la disponibilità dei giocatori. Con il Napoli c’è stato un tracollo, poi sotto di due reti dopo pochi minuti è stato molto difficile recuperare. Mi auguro ora che il tecnico possa trovare le soluzioni e risolvere i problemi della squadra, nonostante non sia facile con la stagione in pieno svolgimento”.

ASPETTO PSICOLOGICO- “Sicuramente è una parte essenziale. Servirebbe sicurezza, ma è molto difficile. A volte si lavora bene durante la settimana, poi in partita capita un ko come quello di Napoli. L’Inter cala di intensità durante lo stesso match, con errori inspiegabili. La concentrazione viene meno quando si cala dal punto di vista fisico. Pioli sta chiedendo intensità, ma la squadra non riesce a garantirla per tutti i 90′. Questo è il problema”.

FATICA A INDIVIDUARE UN LEADER-
“Faccio fatica a individuarlo in questa Inter. Icardi sta crescendo e sta studiando da leader, ma quello che fa fuori dal campo incide in questo tipo di crescita. E nello spogliatoio si avverte, e si creano dei piccoli problemi. In questa Inter non esiste un vero e proprio leader”.

SIMEONE – “I giornali ne parlano molto spesso. Chiaramente non è facile per Pioli convivere con queste voci, ma fa parte del gioco. Il tecnico nerazzurro deve giocarsi le proprie possibilità all’Inter, vincere qualcosa di importante su questa panchina è sicuramente uno dei suoi obiettivi. Non mollerà facilmente, anzi. Farà il meglio”.

MERCATO – “Un nuovo difensore servirebbe, lo penso da inizio stagione. Ma il problema non è la difesa, ma la fase difensiva in generale. Ci sono delle difficoltà che riguardano i singoli, ma quello che conta è la squadra”.