Padovan: “Inter, quale Zhang comanda? Sabatini OK se…”

Articolo di
17 dicembre 2016, 00:33
Giancarlo Padovan

Giancarlo Padovan – giornalista e Responsabile dell’Ufficio Stampa del Vicenza -, ospite negli studi di “Calcio € Mercato” su Sportitalia, commenta il possibile approdo di Sabatini all’Inter come direttore sportivo, indicando la società come colpevole degli errori fatti anziché Ausilio

INTER SENZA CAPO – Sono molteplici le domande che si pone Giancarlo Padovan sulla gestione nerazzurra: «Walter Sabatini è un professionista che ha fatto bene ovunque, fa meglio quando deve vendere anziché comprare, ma è bravo e capace a scoprire giocatori non di risonanza, anche per il tessuto di rapporti che ha, quindi lo vedrei bene all’Inter. Piero Ausilio in questi anni ha operato bene dal basso, costruendo buone rose, il problema è che l’Inter non ha ancora trovato l’allenatore in grado di sviluppare queste potenzialità. Non so se le responsabilità siano di Ausilio o della società, in cui si stenta a capire chi comanda e cosa vuole da questa società. Chi comanda? Jindong Zhang o figlio di Zhang? Si parla bene di Steven Zhang, che si sta occupando maggiormente dell’Inter, ma al vertice chi c’è? Chi comanda? Qual è la linea?».

GESTIONE SOCIETARIA ERRATA, PAGANO GLI ALTRI – «Sabatini è un ottimo direttore sportivo: ha grande esperienza e potrebbe fare bene all’Inter, ma oggi all’Inter serve qualcuno che faccia andar via i giocatori, non che li porti. L’Inter ha una miriade di giocatori di qualità, anzi troppi: qualcuno deve andar via. Se prendi Joao Mario, Marcelo Brozovic e Ivan Perisic, non si può dire che non siano giocatori di valore, sono di grande valore e anche molto quotati sul mercato: l’Inter deve faticare per tenerli, infatti li blinda. Manca il resto della squadra. La gestione post-Roberto Mancini è stata sbagliata. Vedremo che farà Stefano Pioli, che è appena arrivato e ha bisogno di tempo».