Padovan: “Aspettare de Boer? Tra 3 mesi Inter cambia tecnico”

Articolo di
23 agosto 2016, 00:13
Giancarlo Padovan

Giancarlo Padovan – giornalista e Responsabile dell’Ufficio Stampa del Vicenza -, durante la diretta di “Speciale calciomercato” su Sportitalia, commenta la prima sconfitta stagionale dell’Inter e in particolare il debutto italiano di de Boer

INTER E DE BOER IMPUTATI – Aveva già parlato del rischio di cambiare allenatore ad agosto, così Giancarlo Padovan si prende i “meriti”: «Se l’imputata è l’Inter, non è solo perché ha perso, ma perché ha perso male. Se l’imputato è Frank de Boer, è perché si è avvicinato al Campionato Italiano di Serie A senza conoscerlo, senza conoscere la lingua ed è grave perché deve comunicare nello spogliatoio, e senza conoscere il ChievoVerona. De Boer è abituato a giocare con il 4-3-3 o 4-2-3-1 e ieri si è presentato con la difesa a tre, in cui c’era Andrea Ranocchia, che è un anello debole. L’Inter non poteva giocare a tre perché i giocatori non hanno quelle caratteristiche ed è andata incontro a una partita disastrosa dal punto di vista del gioco, lontana da quello che deve’essere l’Inter. Non si possono aspettare tre mesi per vedere l’Inter di de Boer, se no nel frattempo arriva un altro allenatore al suo posto. Il rischio di prendere un allenatore che non conosce il campionato si è visto tutto. Le prime giornate sono a rischio per tutte, l’Inter ha già pagato dazio».

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Andrea Turano
Nato nell’era Bagnoli, ma svezzato da Simoni, vive la sua vita in nero e azzurro. Parla di Inter ventiquattro ore al giorno, nel tempo libero si limita a scrivere, sempre di Inter. Sogna di lasciare un ricordo indelebile nella storia della Beneamata, come Arnautovic. E’ un tifoso sfegatato come tanti, ma obiettivo come pochi.