Olivari: “Thohir è finalmente entrato in scena!”

Articolo di
21 giugno 2015, 09:28

Stefano Olivari ha commentato l’acquisto di Kondogbia da parte dell’Inter. Lo ha fatto attraverso il sito del “Guerin Sportivo”. Un segnale importante dato dal presidente Thohir in questa campagna di rafforzamento estiva dell’Inter. Un segnale che va interpretato. Vediamo come:

PRESIDENZA  – «Con l’acquisto di Kondogbia possiamo dire che, dopo un anno e mezzo, sia iniziata finalmente la presidenza di Erick Thohir», inizia Olivari. «Non è stato il primo acquisto costoso ma è stato il primo che per dimensioni rappresenta una svolta rispetto all’amministrazione dell’Inter post Triplete ma ci verrebbe da dire anche prima».

MORATTI – «Non è un dettaglio che questa sia la prima operazione di Thohir sopra i 20 milioni di euro, quindi impossibile senza un assenso di Moratti per via di uno dei pochi patti parasociali che si conoscano tra i due. Quindi o l’ex presidente si è messo l’animo in pace, accettando la diluizione del suo 30% in vista di future ricapitalizzazioni a cui non aderirà, oppure non accetta che l’Inter scenda così in basso come status. Propendiamo decisamente per la seconda ipotesi», sostiene Olivari.

SEGNALE – «Kondogbia è più importante come segnale, all’interno e all’esterno, che come acquisto in sè, pur trattandosi di un centrocampista giovane e di primissimo piano, che non a caso tutta l’Europa che conta aveva cercato. Più che rivincita di Fassone e Ausilio, direi che è stato fondamentale Mancini a convincere uno con tanto mercato a passare dalla Champions League al nulla assoluto europeo. Certo è che Thohir ha battuto un colpo ed è più che mai intenzionato a mettere in campo la migliore Inter possibile in quella che sarà in ogni caso l’ultima stagione con questo strano assetto societario. O si va in Champions o si muore? Non esageriamo. O si va in Champions o ci vuole davvero qualcuno che paghi il conto!», conclude Olivari.