Nebuloni: “Rosa Inter, de Boer valuterà con Ausilio. Icardi…”

Articolo di
10 agosto 2016, 00:06
Nebuloni

Il giornalista Massimiliano Nebuloni, ospite a Sky Sport 24, ha riepilogato la prima giornata ufficiale di Frank de Boer da allenatore dell’Inter, coincisa sia con il primo allenamento sia con la conferenza stampa di presentazione. Dopo aver fornito le sue considerazioni personali sull’impatto dell’allenatore olandese ha fatto sapere quali saranno le prime manovre sul fronte calciomercato.

ESORDIO POSITIVO«Una buona impressione, è stata una buona conferenza stampa nella quale si è presentato con un profilo basso, preferisce lavorare a fari spenti. È un personaggio che incuriosisce, è un allenatore che pratica un calcio offensivo di matrice olandese e incuriosisce anche il modo in cui ha diretto il primo allenamento, tutto finalizzato alla ricerca del bel calcio unito ai risultati, le indicazioni di Frank de Boer venivano tradotte in simultanea da Michel Kreek. Nell’Ajax nell’ultima stagione ha usato soprattutto il 4-2-3-1, il 4-3-3 era il modulo di riferimento prima della passata stagione e ha usato anche il 3-5-2. Secondo me giocherà col 4-2-3-1 perché ha detto che inizialmente non farà stravolgimenti clamorosi, credo che la mano di de Boer si vedrà dal prossimo autunno in maniera pesante, per adesso andrà avanti con il solco tracciato finora da Roberto Mancini».

CAMBIAMENTI«Ha bisogno di qualche giorno di studio per valutare la rosa, poi farà il punto con Piero Ausilio per capire chi cedere e chi prendere. Con l’arrivo eventuale di Luiz Gustavo al posto di João Mário mancherebbe quel regista classico che è mancato a Mancini, anche se un allenatore può decidere di giocare in maniera diversa, con due giocatori più muscolari davanti facendo giocare i più offensivi dalla cintola in su. Ero convinto che Mancini non sarebbe rimasto e sono molto scettico sull’incedibilità di Mauro Icardi, nonostante le dichiarazioni di de Boer oggi e della società negli scorsi giorni. Quando un giocatore manifesta un certo malessere, è scontento e lancia continuamente messaggi alla società, ha rotto con una parte dell’ambiente perché i tifosi dell’Inter erano abituati a un altro ruolo di capitano, penso che se alla fine il Napoli farà questo sforzo importante la cosa possa andare in porto, conoscendo gli umori della piazza e i messaggi che sta inviando Icardi all’Inter. Secondo me peserà tanto il parere di de Boer ma qui si va oltre se si raggiungono i sessanta milioni, perché permetterebbe di rinforzare la squadra non solo in attacco ma anche in altri reparti, secondo me verranno fatti anche questo tipo di discorsi. Axel Witsel? Penso che l’Inter lo abbia seguito ma in questo momento non ha le caratteristiche per inquadrarsi nel profilo che insegue l’Inter».