Nebuloni: “Per tornare grandi bisogna spendere e Thohir…”

Articolo di
10 maggio 2015, 14:09
Thohir

Il giornalista di “Sky Sport” Massimiliano Nebuloni è convinto che l’allenatore dell’Inter Roberto Mancini stia lavorando intensamente su due fronti per garantire alla squadra un futuro migliore: il primo riguarda ovviamente i risultati sportivi con una vittoria nel match contro la Lazio di questa sera che potrebbe contribuire in maniera fondamentale al raggiungimento di un posto nella prossima Europa League mentre l’altro si riferisce invece al mercato, con il tecnico che starebbe provano in tutti i modi a convincere il presidente Thohir ad investire in maniera pesante per rinforzare la squadra.

SPENDERE PER TORNARE GRANDI – L’idea del Mancio è abbastanza chiara: se l’Inter ambisce a tornare ai vertici del calcio italiano ed europeo allora deve ricominciare ad investire in maniera seria allestendo così una rosa altamente competitiva in grado di lottare per lo Scudetto e qualificarsi in Champions League il prima possibile. L’ingresso nella massima competizione europea infatti porterebbe il club di Corso Vittorio Emanuele II ad incassare quelle cifre che permetterebbero di risanare i bilanci in maniera molto più veloce. Un concetto semplice che il Tycoon indonesiano sembra aver finalmente capito, grazie anche alle tantissime telefonate da parte dell’allenatore, fortemente convinto del fatto che uno sforzo economico immediato nella prossima sessione di calciomercato sia necessario per “salvare” la squadra impedendole di rimanere in questa sorta di limbo che non le permette di ridurre il proprio gap con la Juventus, la Roma e il Napoli a causa delle limitate prospettive di crescita. Certo, la sanzione del Fair Play Finanziario complica la situazione, ma da questo punto di vista potrebbe essere molto più semplice “sgarrare” una volta e poi magari pagare la multa grazie agli introiti derivati dalla Champions piuttosto che rispettare i parametri alla perfezione per poi continuare a lottare per il quinto o il sesto posto a causa dei pochi soldi da investire nel mercato.