Nebuloni: “L’Inter non vuole mollare il primo posto sul più bello”

Articolo di
11 dicembre 2015, 17:38
Nebuloni

Intervenuto negli studi di “Sky Sport 24″, il giornalista Massimiliano Nebuloni ha analizzato le frasi salienti della conferenza stampa pre Udinese-Inter di Roberto Mancini, soprattutto per quanto riguarda Icardi, il primo posto e il mercato.

ICARDI – «Rispondendo al domandone che da qualche tempo a questa parte angustia i tifosi nerazzurri, Mancini ha risposto con queste cinque parole: Icardi non è un problema. Perché la percezione che si avverte fuori dalla Pinetina è diversa da quella che esiste nello spogliatoio di Appiano. Sarebbe curioso sentire cosa ne pensa il diretto interessato: Mauro Icardi. La seconda panchina in 15 giornate rientra nell’ottica del “tutti titolari, tutti riserve” che sta facendo le fortune dell’Inter in questa stagione. Quindi c’è bisogno di recuperare Icardi, un Icardi che non è in crisi e alla fine secondo Mancini farà 20 gol diventando capocannoniere della squadra. Anche se domani lo vedremo titolare la morale è che presto potremmo ritrovarlo con il broncio in panchina».

ALZARE L’ASTICELLA – «Al di là di Icardi per Mancini è importante vincere a Udine e per farlo bisogna alzare l’asticella e tirare fuori l’anima battagliera, perché se non si lotta è impossibile rimanere in testa e la sconfitta del Napoli a Bologna dimostra che si può perdere con chiunque anche se si hanno le statistiche a proprio favore. L’Inter finora è la squadra che ha fatto più punti in trasferta (14) e bisogna tenere alta l’attenzione anche se il calendario da qui alla fine del girone di andata è apparentemente in discesa».

MERCATO – «Se le cose continueranno a funzionare così, se la squadra resterà prima a lungo, secondo Mancini non ci sarà nulla da fare sul mercato. Qui però restiamo con il beneficio del dubbio perché conoscendo Mancini qualcosina l’Inter farà senz’altro entro il 31 gennaio, ma ha ragione l’allenatore quando sottolinea il rischio di toccare certi equilibri».

BELLA ATMOSFERA – «Ha fatto sorridere il riferimento a Brozovic, sempre più impiegato, sempre più “epic” e virale sui social: Mancini ha detto “se va via lui poi con chi le facciamo le foto?“. Ecco, in fondo questa è l’immagine più bella del clima che si respira nello spogliatoio di Appiano Gentile perché l’aria di alta classifica spazza via i malumori, allontana le polemiche. È un primo posto quello dei nerazzurri impronosticabile fino a qualche mese fa, ma che l’Inter non vuole mollare proprio sul più bello».