Nebuloni: “Il problema dell’Inter? Il regista a centrocampo. Banega…”

Articolo di
25 agosto 2016, 16:44
De Boer Banega

La sconfitta contro il Chievo ha evidenziato un problema che l’Inter pare trascinarsi da diverse stagioni: la mancanza di un regista. Una carenza che de Boer tenterà probabilmente di colmare con l’adattamento di Ever Banega al ruolo. Massimiliano Nebuloni a Sky Sport ha analizzato i motivi che hanno portato a questa situazione

INVERSIONE A U – Secondo il giornalista sportivo, già da ieri de Boer avrebbe operato un’inversione a U rispetto alle scelte compiute contro il Chievo. Il tecnico sarebbe ora deciso a puntare sulla difesa a 4, con il ritorno di Murillo al posto di Ranocchia e utilizzando così il 433, già sperimentato all’Ajax. Dovrebbe inoltre rivedersi Banega davanti difesa. Sebbene l’argentino non sia un regista classico, può svolgere il ruolo egregiamente, essendo l’elemento più attrezzato tecnicamente in mediana. Ma in questa posizione il rischio è che in avanti manchi un’opzione importante, data proprio dalla sua imprevedibilità. Ma dopo Verona, fallito l’esperimento di Medel in regia, è necessario cambiare e questa rimane l’opzione più praticabile.

POCHI INTERPRETI – Massimiliano Nebuloni ha così risposto alla domanda sul perché l’Inter non sia ancora riuscita a sistemare questa mancanza:
«E’ dai tempi di Thiago Motta, venduto nel gennaio del 2012, che ai nerazzurri manca un regista. Una volta c’era più qualità e potevi sopperire, ma ora, se ti manca qualità, hai bisgono di un elemento in grado di organizzare. Ma non possono farlo Medel, Kondogbia o, nel caso dovesse arrivare, Joao Mario, perché non è nelle loro caratteristiche. Non ci sono tanti interpreti del ruolo in giro e non è facile trovarne a prezzi ragionevoli. L’Inter negli ultimi anni ne ha seguiti tanti, ma non ha ancora trovato il profilo adatto.»

Facebooktwittergoogle_plusmail