Muraro: “Mancini? L’Inter doveva decidere prima. Icardi…”

Articolo di
11 agosto 2016, 14:48
Mancini

Carlo Muraro ha concesso un’intervista alla radio ufficiale di “TuttoMercatoWeb” nella quale l’ex giocatore dell’Inter si è soffermato sulla possibile cessione di Mauro Icardi, sull’addio di Roberto Mancini e il conseguente arrivo di Frank de Boer.

AMICHEVOLE SALTATA – «Giusto annullarla? No. Mi sembrava che il campo fosse in condizione per giocare. Posso capire le motivazioni dei tedeschi che giocano in Champions League. Ciò che conta è il referto dell’arbitro».

CAMBIO DI PANCHINA – «Credo che si potesse fare prima questa operazione. La società è rimasta sulle sue fondamenta, di costruire una squadra sui giovani mentre Mancini vuole costruire una squadra di giocatori affermati. Chi ha sbagliato? Credo che tutti e due hanno fatto un errore: quello di non andarsi incontro. Mancini non ama lavorare con i giovani. Anche a Manchester ha costruito una squadra di giocatori affermati. La società doveva decidere prima. De Boer? Il calcio in Italia è molto difficile perché le pressioni sono difficili. De Boer imparerà a vivere nel nostro mondo. Le conoscenze le ha, ha dimostrato qualità e idee. Mi auguro le possa portare anche all’Inter anche se qui le pressioni e le aspettative sono diverse».

IL MERCATO – «Se uno ci tiene fa di tutto per dimostrarlo. Icardi ha volontà di andare via è giusto che vada via. Non so se il Napoli ha offerto 45 milioni più Gabbiadini. Io l’avrei fatta subito. Obiettivi? La qualità della rosa è migliorata. Manca un centrocampista di geometria e un centrale di assoluto affidamento».

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Riccardo Melis

Riccardo Melis

Riccardo Melis (Cagliari, 1990), studente universitario quasi laureato (si spera) in Scienze della Comunicazione; adora leggere, parlare e sopratutto scrivere di calcio e cinema. Tifoso dell’Inter da quando aveva otto anni, ha superato brillantemente i suoi primi anni di tifo, più neri che azzurri, senza che la sua fede verso questi colori fosse scalfita di una virgola.