Mughini: “Scambio Icardi-Dybala? Un beato ca**o! L’Inter…”

Articolo di
18 ottobre 2016, 01:10
mughini

Giampiero Mughini – giornalista e tifoso juventino per eccellenza -, a “Tiki Taka – Il calcio è il nostro gioco” su Italia 1 commenta il caso Icardi spalleggiando il capitano dell’Inter, ma allo stesso tempo lo scredita nel paragone con Dybala

ICARDI FORTE E IMMATURO – Va in difesa Giampiero Mughini, che smonta il caso: «Mi sembra sia andato tutto fuori misura con Mauro Icardi: due pagine di un libro, in Italia escono sessata volumi all’anno! Libro più libro meno, fesseria più fesseria meno… Per me questo libro non costituisce questo gran scandalo. Quella sui cento criminali argentini è una battuta paradossale, dai! Alla Juventus non avrebbero mai dato la fascia a un giocatore, splendido senza dubbio, ma ancora acerbo e ingenuo a livello di personalità. La fascia di capitano si dà a chi riassume la storia, ma Icardi è solo il maggior talento dell’Inter oggi: ha battuto la Juventus da solo. Non si può far passare per uno che arruola i gangster argentini, ha fatto solo una battuta paradossale!»

PARAGONE CON DYBALA – «Visto che si parla di Icardi, si può fare un paragone con Paulo Dybala: stessa età, stesso ruolo, stessa nazionalità. Sono due giovani e forti attaccanti argentini, ma con stili diversi. Io non vedo mai le porcate (i social network, ndr) che piacciono agli altri: anche se li vedessi, non vedrei mai una foto di Dybala. Di Dybala si vedono solo i gol! Se farei lo scambio Icardi-Dybala? Non lo farei nemmeno morto! Nemmeno morto! Un beato ca**o! Dybala non lo scambierei neanche con Gesù Cristo, con rispetto parlando! Dybala non lo scambio con niente: è il fenomeno del calcio moderno. Marco Materazzi? Ci ha fatto vincere il Campionato del Mondo, avevo un ottimo rapporto con lui quando era all’Inter: mi stava simpaticissimo!».

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Andrea Turano
Nato nell’era Bagnoli, ma svezzato da Simoni, vive la sua vita in nero e azzurro. Parla di Inter ventiquattro ore al giorno, nel tempo libero si limita a scrivere, sempre di Inter. Sogna di lasciare un ricordo indelebile nella storia della Beneamata, come Arnautovic. E’ un tifoso sfegatato come tanti, ma obiettivo come pochi.