Moratti: “Milan più in forma ma spesso vince la sfavorita”

Articolo di
16 novembre 2016, 14:22
Moratti

Massimo Moratti ha concesso un’intervista esclusiva a “TuttoMercatoWeb” durante la quale si è ovviamente soffermato sul derby di domenica e sulla scelta da parte della nuova proprietà dell’Inter di sostituire Frank de Boer con Stefano Pioli.

GARA AFFASCINANTE – «Resta sempre una gara molto affascinante, sicuramente speciale. Si fa sempre fatica a capire chi è la favorita, in generale è molto difficile dirlo. Oggi sembra che il Milan stia meglio e che sia più in forma, ma nei derby spesso vince la sfavorita. A parte questo, l’Inter ha sicuramente i giocatori e i mezzi per poter far male e vincere. Icardi? Beh, sicuramente è il giocatore principale. Se dovessimo scommettere su un marcatore inevitabile pensare a lui, ma non è il solo che può far male al Milan. I vari Perisic, Brozovic e Candreva sono giocatori importanti. Chi toglierei al Milan? Non saprei. Piuttosto dico che il portiere è molto forte. Penso che Donnarumma sia il loro punto di forza. Il derby che ricordo con più piacere? Per fortuna ne ricordo parecchi, ma vorrei citarne uno in particolare: quello della mia prima vittoria (15 aprile 1995, ndr). Era un momento particolare e giocavamo contro un Milan forte, sicuramente favorito in quel momento. Invece il verdetto del campo disse altro. Rimane per me un bellissimo ricordo. Per quanto riguarda quelli più recenti, come non ricordare il gol in pallonetto di Ronaldo e le vittorie nella stagione del Triplete. Pioli? Sì, è la scelta giusta. La Champions? È un traguardo che si può ancora raggiungere. La squadra e il tecnico dovranno provarci, anche se non sarà facile».

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Riccardo Melis

Riccardo Melis

Riccardo Melis (Cagliari, 1990), studente universitario quasi laureato (si spera) in Scienze della Comunicazione; adora leggere, parlare e sopratutto scrivere di calcio e cinema. Tifoso dell’Inter da quando aveva otto anni, ha superato brillantemente i suoi primi anni di tifo, più neri che azzurri, senza che la sua fede verso questi colori fosse scalfita di una virgola.