Moggi: “Tifavo Inter, poi ho conosciuto Moratti. Calciopoli…”

Articolo di
7 dicembre 2015, 18:37
moggi

L’ex DG della Juventus Luciano Moggi è stato intervistato da “Le Iene” dove ha parlato di diversi temi fra cui anche Calciopoli e il fatto che da bambino tifasse Inter. Ecco alcune anticipazioni dell’intervista che andrà in onda questa sera su “Italia Uno”.

SCUDETTI SUL CAMPO – «Da bambino tifavo Inter, poi ho conosciuto i dirigenti, Moratti soprattutto, e ho smesso di tifare per loro. Perché Moratti? Perché certe volte dice stupidaggini. Non è colpa mia se hanno tolto due scudetti alla Juve perché la Juve quegli scudetti li ha conquistati sul campo. Lo scudetto assegnato all’Inter a tavolino? Io non l’avrei accettato».

CALCIOPOLI – «Vorrei sapere dalla Cassazione quali sono le gare che io ho condizionato. La mia infulenza sul “Processo di Biscardi“? Detto tutto, aveva dieci spettatori alla settimana.L’accusa che avessi più di 200 Sim Card per non farmi intercettare è una stupidaggine e il fatto di aver chiuso Paparesta nello spogliatoio è stata soltanto una battuta che ho fatto al telefono e da lì al sequestro di persona ce ne corre».

MANCINI IL MIGLIORE – «Secondo me il miglior allenatore della Serie A al momento è Mancini, credo che l’Inter abbia veramente delle possibilità per vincere il campionato, soprattutto se la Roma tiene Garcia».