Modulo ed Hernanes, il caso Shaqiri: ancora out a Udine?

Articolo di
28 aprile 2015, 11:33
Shaqiri

Sarà il rombo di centrocampo a non esaltare le caratteristiche dello svizzero, sarà la contemporanea esplosione di Hernanes che sembra esser tornato ai suoi livelli ai tempi della Lazio: sarà anche uno stato di forma non eccelso dell’ex Bayern che tranne un buon inizio non ha mai dimostrato il suo valore. Di certo, o quasi, c’è l’ennesima panchina questa sera a Udine.

SHAQ, NON SI GIRA: ANCORA FUORI? – Hernanes si è preso in mano l’Inter, lo ha fatto a suon di buone prestazioni ma soprattutto con l’ultimo straordinario gol. Dalla sua c’è sicuramente una maggior predisposizione a ricoprire il ruolo di trequartista rispetto a Shaqiri, il quale è senza dubbio penalizzato da un modulo all’interno del quale non può esprimersi al meglio. Da sempre schierato esterno alto, magari sulla destra per rientrare sul proprio mancino, soprattutto in un 4-2-3-1: lo svizzero si è trovato nella sua prima esperienza all’Inter a ricoprire il ruolo di n.10, che può occupare viste le enormi qualità tecniche in suo bagaglio, ma che senza dubbio tappa le ali alla sua velocità e capacità di saltare l’uomo sul lungo ed essere letale rientrando sul sinistro per tirare in porta. Al di là di un ritrovato Hernanes e di un modulo non consono alle proprie caratteristiche, restano dubbi circa il suo adattamento al calcio italiano e stato di forma: da capire Mancini come intenderà puntare sull’elvetico in futuro, cambiando modulo non ci sarebbero problemi ma se dovesse insistere sulla strada del rombo rischia di esser messo in discussione persino il suo futuro in nerazzurro.