Milito: “Colpito da Suning. All’Inter serve pazienza e unità”

Articolo di
27 luglio 2017, 14:16
Milito 22

Diego Milito ha concesso un’intervista esclusiva a Premium Sport durante la quale l’eroe del Triplete si è ovviamente soffermato sull’amichevole contro il Bayern Monaco ma anche parlato dell’Inter attuale e della nuova proprietà.

IL TRIPLETE – «Il Bayern? Sicuramente è una partita ovviamente molto ricordata da parte mia e credo di tutti i tifosi perché è stata una partita bellissima, una finale straordinaria e indimenticabile quindi ogni volta che si gioca una partita col Bayern Monaco sicuramente vengono questi ricordi. Sicuramente è stata una partita bellissima, bellissima. Non è mai facile fare due gol in una finale, sopratutto contro una squadra così importante in quel momento lì quindi per me rimarrà una delle partite più impotanti della mia vita. Quell’Inter aveva una grande voglia di vincere, di raggiungere questo traguardo che mancava da tanti anni, per noi era un sogno e ci siano riusciti».

PAZIENZA E FIDUCIA – «Consiglio di avere un po’ pazienza e di essere uniti, io ho fiducia in questa squadra sicuramente la società sta lavorando tanto, c’è una società forte dietro. Io credo che sarà un anno importante, sono fiducioso che i ragazzi potranno fare un anno importante e riportare l’Inter dove merita. Suning mi ha colpito, è un marchio molto forte e hanno voglia di fare qualcosa di importante all’Inter, credo che sono una garanzia e faranno le cose per bene in futuro, mi ha colpito la sua grandezza sono persone veramente capaci e sopratutto seri. Spalletti l’uomo giusto? Sì. Mi sembra che il mister sia ovviamente un ottimo allenatore e poi una grande persona anche lo ringrazio perché in questi giorni mi ha trattato benissimo, mi ha accolto molto bene e voglio ringraziarlo per questo. E’ stato molto carino con me e ovviamente gli auguro tutto il meglio. Icardi deve essere naturale, deve continuare per la strada che sta facendo, concentrato sul campo a fare quello che sa fare meglio, ci darà tanto. Suning mi ha colpito perché è un gruppo forte e ha voglia di fare qualcosa di importante per l’Inter. Non posso dare consigli alla squadra ma solo dire di essere tutti uniti, unità è la parola chiave».






ALTRE NOTIZIE