Marino: “Tutti devono sapere cosa vuol dire giocare per l’Inter”

Articolo di
15 luglio 2017, 15:17
Mourinho

L’ex difensore dell’Inter Giuseppe Marino ha parlato a ItaSportPress dell’Inter soffermandosi in particolare sull’importanza della maglia, la sempre più probabile cessione di Ivan Perisic e i futuri acquisti dei nerazzurri.

LA MAGLIA – «Sono sicuro che Spalletti farà un gran lavoro all’Inter. Come ha detto il primo giorno serve che tutti sappiano cosa vuol dire vestire questi colori. Trovare la giusta identità e l’equilibrio tattico è l’obiettivo principale del tecnico. Quando ero all’Inter nello spogliatoio c’erano i vari Zenga, Bergomi, Ferri, Berti, giocatori che avevano l’Inter nel cuore e che si facevano sentire soprattutto nei momenti di difficoltà. Forse è questo che è mancato negli ultimi anni ed è il primo obiettivo di Spalletti: creare uno spogliatoio in sintonia».

MERCATO – «Perisic mi auguro non vada via perché è un elemento di caratura Internazionale, un top player che serve ai nerazzurri per tornare al top. Nainggolan secondo me è l’uomo giusto per il gioco di Spalletti. A Roma lo ha trasformato in una pedina chiave della squadra ed anche all’Inter sarebbe l’uomo giusto per il salto di qualità. Di Maria? Solo se parte Perisic. Mi aspetto un innesto in difesa, oltre a Dalbert per la sinistra servirebbe un centrale d’esperienza al fianco di Miranda».

GIOVANI – «Il settore giovanile dell’Inter negli ultimi anni ha portato risultati importanti. In questa stagione ha vinto 4 campionati, tra cui quello Primavera mettendo in evidenza il lavoro di Stefano Vecchi. Pinamonti, Bakayoko e Vanheusden sono profili che possono fare bene con Spalletti. Dispiace che negli ultimi anni in pochi sono riusciti a rimanere in pianta stabile in prima squadra. Pellegri e Salcedo? Giovani molto interessanti che l’Inter fa bene a portare a casa anticipando la concorrenza».

Facebooktwittergoogle_plusmail