Mandorlini: “Se si è ripreso il Milan può farlo anche l’Inter”

Articolo di
19 febbraio 2018, 14:03
Andrea Mandorlini

Andrea Mandorlini, intervistato da ItaSportPress, si è soffermato sui brutti risultati raccolti negli ultimi due mesi dall’Inter sottolineando però che i nerazzurri siano ancora in corsa per la Champions League.

SPIEGAZIONI DIFFICILI – «Si fa fatica a parlare da fuori, probabilmente Spalletti e la società sanno bene cosa sta succedendo. Parliamo di un periodo negativo abbastanza lungo, che va oltre i recenti infortuni. E’ stata raggiunta la vetta, poi è stato sperperato tutto il vantaggio: tanti punti persi in poche giornate. Difficile dare spiegazioni, c’è un calo fisico, tecnico e tattico. Ma ci sono ancora tante gare da giocare. Chi ha più responsabilità? Vedo una squadra che fa fatica a segnare in un momento dove tra l’altro c’è anche la sfortuna contro e l’esempio è l’autogol di Ranocchia. Quando accadono tante cose tutte insieme, poi succede questo. Dalle interviste che ho ascoltato non mi sembra che i giocatori si rendano conto di quello che sta succedendo. Ma l’obiettivo è lì e c’è tutto il tempo per riprendersi: la Champions League è determinante per le sorti del club. Crollo ormai costante? I fatti dicono questo. Anche io pensavo che l’Inter capolista potesse durare nel tempo, i tifosi si sono illusi: sta accadendo quanto già successo anni fa. L’Inter è Icardi-dipendente? Sicuramente, ma non c’è nulla di male a dirlo. Icardi è fondamentale per la squadra. Io ho avuto Toni al Verona, per noi era imprescindibile. Quando non hai a disposizione un giocatore del genere lo senti. Nelle grandi rose ci sono alternative importanti, ma l’Inter non ha un altro Icardi in rosa. Mercato deludente? È arrivato Rafinha che mi piace, ma non è ancora al 100% fisicamente. Tante trattative non le conosciamo, ma a prescindere da questo devo dire che la squadra vista nel girone d’andata non aveva bisogno di così tanti volti nuovi, anzi. Il Milan si avvicina? Anche il Milan era in crisi e poi si è ripreso, lo può fare anche l’Inter. I rossoneri vengono da diversi risultati utili consecutivi, ma tra poco ci sarà il derby e magari lì vedremo la vera Inter».






ALTRE NOTIZIE