Mafia minaccia Icardi, Maxi Lopez declina? Ma Wanda esplode

Articolo di
15 ottobre 2016, 22:28
Icardi Nara Lopez

Continua a far parlare di sé Wanda Nara, ma questa volta in risposta al giornalista argentino Monti, che ha rivelato un clamoroso scoop – come riportato dal portale “Goal” – in seguito all’addio a Maxi Lopez per l’amico Icardi

DA MAXI LOPEZ A ICARDI – Il giornalista argentino Carlos Monti – nel suo programma “Bien Arriba” in onda su Radio 10 – l’ha sparata evidentemente grossa o almeno questa è la speranza comune, vista la gravità delle sue affermazioni. Monti, infatti, ha svelato un clamoroso retroscena risalente al 2013, ovvero all’inizio del rapporto tra Mauro Icardi e Wanda Nara, che nel frattempo aveva avviato le pratiche per la separazione ufficiale con Maxi Lopez, oggi attaccante del Torino.

MAFIA PROTAGONISTA – I fatti narrati hanno a che fare con la Mafia e si sarebbero svolti a Catania, dove Maxi Lopez era appena tornato al termine del prestito alla Sampdoria. Qui, una sera, un gruppo di quattro mafiosi avrebbe accostato la propria auto a quella di Maxi Lopez, offrendosi per malmenare il “nemico” Icardi, reo di avergli “rubato” la moglie. Vengono riportati anche alcuni virgolettati, quali: Vuoi che andiamo da lui? Vuoi che gli rompiamo le gambe e che non giochi più a calcio?. Maxi Lopez, però, avrebbe declinato la proposta, ricevendo dal quartetto un biglietto con il numero di telefono del loro boss.

BUFALA INFONDATA – Venuta a conoscenza di quanto raccontato da Monti, la reazione della signora Icardi – ed ex signora Lopez – non è tardata ad arrivare, ovviamente attraverso i social. Wanda, infatti, ha subito pubblicato un tweet per smentire la vicenda, sottolineando l’infondatezza della storia narrata da Monti, paragonata quindi a una bufala inventata di sana pianta per farsi un po’ di pubblicità. Ecco infatti la risposta di Wanda su Twitter: Monti non riesce a intervistare né me né Icardi e parla con la mafia siciliana… (ride, ndr) Quando non ci sono notizie, si inventano: chiaro!.

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Andrea Turano
Nato nell’era Bagnoli, ma svezzato da Simoni, vive la sua vita in nero e azzurro. Parla di Inter ventiquattro ore al giorno, nel tempo libero si limita a scrivere, sempre di Inter. Sogna di lasciare un ricordo indelebile nella storia della Beneamata, come Arnautovic. E’ un tifoso sfegatato come tanti, ma obiettivo come pochi.