Luigi Colombo:”I miei ricordi dell’Inter e del derby”

Articolo di
17 aprile 2015, 09:52
inter-milan

In vista del derby alla “Gazzetta dello Sport” parla dei suoi ricordi nerazzurri Luigi Colombo, storico medico dell’Inter dal 1978 al 1995.

IL CAPITANO DEI MEDICI – Il professor Luigi Colombo è stato medico dell’Inter praticamente per vent’anni, dal 1978 al 1995. Ha vissuto in nerazzurro più derby di tutti i medici che si sono avvicendati negli anni post Quarenghi, storico dottore della grande Inter di Angelo Moratti. In questo senso Colombo può considerarsi quello con più presenze, il capitano della squadra medica.

LUNGA ESPERIENZA – La “Gazzetta dello Sport” ha raccolto i suoi ricordi, sia dell’Inter in generale che legati al derby: “Sono stato medico dell’Inter dal 1978 al 1995, insomma durante le presidenze di Fraizzoli e Pellegrini, anche se con diversi gradi di responsabilità perché a un certo punto, con Trapattoni allenatore, in panchina ci andava Pasquale Bergamo mentre io curavo la parte cardiologica e altri aspetti. Ma, insomma, posso ben dire di aver vissuto una lunga e appagante esperienza. Ancora oggi lavoro per la Federcalcio e non sono più quel giovincello che trentasette anni fa affiancò nel club l’ortopedico Benazzi… due sbarbati…”.

RICORDI DEL DERBY –Sono un professionista e come tale non posso di certo tradire quel patto fiduciario che spesso nasce spontaneo fra medico e giocatore, il quale ha bisogno di un supporto psicologico, di un amico. Però qualche episodio oggi lo posso raccontare. Penso anzitutto a quella volta in cui Beppe Baresi, alla vigilia del derby era stato colto da un febbrone da cavallo. Era considerato preziosissimo, però non stava in piedi… Alla fine volle scendere in campo e nonostante avessimo tenuto il più stretto riserbo sulle sue precarie condizioni, notammo che gli venne messo addosso Buriani, cioè il milanista più tignoso e atleticamente forte. Una mossa non prevedibile nata probabilmente da una soffiata o da una spiata ai nostri avversari… Qui giova aggiungere che nonostante fossi in ottimi rapporti con il dottor Monti, mio omologo milanista, nella settimana della stracittadina evitavamo qualsiasi contatto: muti come pesci. E avere contro “Ginko” Monti era dura… Ancora oggi lo reputo il miglior medico sportivo italiano e gli sono anche grato perché lui fu il primo assunto a tempo pieno da un club di calcio. Il secondo? Luigi Colombo…”.

ANEDDOTI NERAZZURRI – “Mi volle Ivanoe Fraizzoli che con sua moglie Renata, tuttora mia paziente­amica, viveva il derby come una scossa elettrica. Tanto che gli prescrivevo regolarmente il famoso Ansiolin: tranquillanti. Era un tipo all’antica, Fraizzoli. Pensi che quando acquistò Spillo Altobelli subordinò tale operazione al fatto che il ragazzo sposasse la sua fidanzata­convivente. Cosa che avvenne anche quando si trattò di cedere il club a Pellegrini: pretese che ufficializzasse la sua unione di fatto con l’Ivana. In tribuna a quei tempi il più frizzante era Peppino Prisco. L’avvocato al fischio finale preparava le battute che avrebbe poi detto alla stampa: simpaticissimo furbacchione. Fra i tecnici il rapporto più stretto l’ho avuto con Eugenio Bersellini, vincitore dello scudetto 1979­/80. Ho ancora nelle orecchie le sue urla a Beccalossi: ‘Corri, corri!!!!’. Eh, l’Evaristo ci ha fatto vedere soltanto il cinquanta per cento delle sue qualità, peccato. Fra i giocatori sono stato attratto dalla perspicacia di Sandro Mazzola oltre che dalla sua classe purissima. Lui e Rivera sono stati davvero delle bandiere, ci tenevano da matti a superarsi nella stracittadina, però erano sempre cavallereschi i loro duelli. Penso che Sandro possa fare comodo anche oggi a Thohir, il suo attaccamento all’Inter è viscerale e la sua competenza non ha eguali. Certo che senza i Moratti e i Berlusconi l’anima meneghina del derby andrà a ramengo… Formidabili resteranno perciò gli anni della Milano da bere: che fortuna averli vissuti dal di dentro”.

 







ALTRE NOTIZIE