L’ira dell’Udinese per il rigore che Rocchi ha concesso all’Inter

Articolo di
29 aprile 2015, 19:44
rigore kovacic udinese-inter danilo

L’Udinese non ha digerito la direzione di gara di Gianluca Rocchi tra Udinese e Inter. Le due espulsioni pesano e “il rigore è generoso”, riporta Calciomercato.com.

ESPULSIONI E RIGORE – Contestatissima la direzione del fischietto toscano Gianluca Rocchi in occasione del match di ieri tra Udinese e Inter. I friulani e tutta la tifoseria accusano l’arbitro di aver incanalato l’incontro su binari nerazzurri per via delle espulsioni di Domizzi e Badu e per il rigore generosamente concesso all’Intera per atterramento di Kovacic.

RIGORE GENEROSO – Qui quanto riportato in proposito da Calciomercato.com: «I friulani si sono molto lamentati per la direzione di gara di Rocchi che ha concesso un rigore molto generoso ai nerazzurri: Kovacic in area di rigore calcia in corsa verso la porta di Karnezis e Danilo, in un secondo momento, entra in scivolata colpendo il croato. Rigore per i nerazzurri e ira da parte dell’Udinese che ha poi contestato il direttore di gara fino al termine dell’incontro».

RIGORE GENEROSO MA NON TROPPO – Il calcio è bello perché ognuno può dire la sua, per questo l’Udinese e il popolo bianconero hanno tutto il diritto di lamentarsi per quello che ritengono un torto subìto. A onor del vero, però, va precisato che le due espulsioni erano entrambe sacrosante: entrata pericolosa di Domizzi (che fra l’altro non ha nemmeno protestato al momento del rosso) e proteste veementi di Badu all’indirizzo del direttore di gara. La conseguenza è stata logica. Per il rigore il discorso è diverso: difficilissimo da valutare, anche se la palla, pur non essendo più nei piedi di Kovacic quando Danilo lo colpisce, poteva comunque essere raggiunta dal croato che avrebbe così avuto una chiara occasione da rete. Abbiamo visto di molto peggio rispetto a questa assegnazione, basta aprire il cassetto degli errori del campionato.