Laudisa: “L’Inter fa bene a prendere Rafinha. Ipotesi Éder”

Articolo di
18 gennaio 2018, 00:28
Carlo Laudisa

Il giornalista del quotidiano “La Gazzetta dello Sport” Carlo Laudisa è stato ospite di “YouPremium Mercato” su Premium Sport. Secondo lui l’acquisto di Rafinha Alcántara da parte dell’Inter sarebbe una mossa azzeccata, in uscita attenzione a Éder Citadin Martins.

ACQUISTI«Il Siviglia ha investito molto in estate per Joaquín Correa, ha segnato anche nella partita precedente. Evidentemente l’aria dell’Inter l’ha spronato a rimanere, ma al di là delle battute su questo fronte io sono meno caldo, perché non abbiamo avuto riscontri di una proposta che evidentemente è stata fatta, penso che le altre piste che stanno emergendo non mi fanno vedere questa trattativa in fase avanzata. Rafinha Alcántara? L’Inter non ha alternative, ricordiamo che è un diritto e quindi un’eventualità. L’Inter fa bene a portarlo a casa, testarlo, poi si vedrà il prezzo. A mio modo di vedere c’è un problema più politico per il Barcellona, perché non avendo il diritto di recompra deve far vedere al suo ambiente di poter vendere bene, quindi la riflessione risponde a questa esigenza di soddisfare la piazza. Quando parliamo di Inter parliamo di prestito con diritto di riscatto, altre strade non esistono, il fair play finanziario lo impone come unica formula».

CESSIONI«Éder Citadin Martins via? È una delle ipotesi, anche se parlando col suo entourage non si raccoglie tanta frenesia, però è una fase del mercato. Mauro Icardi? C’è una calma che evidentemente non ci deve ingannare, i fuochi in questo caso saranno estivi. Dobbiamo aspettare di capire cosa accadrà a Madrid, quello è il crocevia del mercato estivo sotto tutti i punti di vista, non solo per Icardi. Certo il centravanti dell’Inter è un obiettivo, l’Inter deve fare attenzione a curare questa pista. I centodieci milioni sono la clausola, se arriva Suning non può dire nulla. Suning deve muoversi prima per cercare di rinnovare, è ovvio che un’Inter in Champions League ha una valenza tale da invogliare Icardi a rinnovare il contratto. João Mário? È costato tantissimo, l’Inter in entrata può fare soltanto prestiti per il fair play finanziario e in uscita non può svendere, sarebbe una minusvalenza clamorosa».






ALTRE NOTIZIE