La moglie di Hernanes racconta i trent’anni del Profeta

Articolo di
29 maggio 2015, 10:29
hernanes

In casa Hernanes è quasi tutto pronto per festeggiare una data sicuramente storica per il “Profeta” nerazzurro, che proprio quest’oggi compie i suoi primi trent’anni. Un traguardo importante, che la moglie Erica racconta in anteprima al sito ufficiale del giornalista Gianluca Di Marzio

PROFETA DI FAMIGLIA«A lui piace molto stare con i nostri cari, ma è molto concentrato su quello che sta facendo, quindi non si lascia andare più di tanto, soprattutto in questo periodo. Trascorreremo una bella serata comunque con le persone che gli vogliono bene».

GLI INIZI AL SAN PAOLO«L’ho conosciuto proprio lì. Abbiamo tantissimi bei ricordi legati a quell’esperienza, sia per la sua carriera che per la nostra famiglia».

L’APPRODO ALLA LAZIO«Quando siamo arrivati lì è stato molto bello, tutti i tifosi ci hanno riservato un’accoglienza incredibile. Lì si vive di calcio. La prima cosa che hanno chiesto a mio marito è stata di vincere il derby, non potrò mai dimenticarlo. Io non sapevo neanche cosa fosse il derby! Non ci ho messo tanto a capirlo e quando perdevamo con la Roma non uscivo di casa, perché sapevo quanto rompevano i tifosi della Roma».

LA CAPRIOLA CRITICATA«Mio marito è entrato nel cuore dei tifosi. Qualche settimana fa c’è stata quella capriola che li ha fatti un po’ arrabbiare, ma lui ha spiegato tutto. Anche con i compagni ha avuto un ottimo rapporto e con diversi di loro si sente tutt’ora».

IL RAPPORTO CON LOTITO«La loro relazione è strana. Ieri guardavo un po’ di foto dei tempi della Lazio e ne ho beccata una in cui lui e Lotito si abbracciavano. Gli ho detto: “Hai visto?”. Lui si è messo a ridere…».

FINALMENTE L’INTER«Anche a Milano si trova benissimo, i tifosi gli vogliono bene e all’interno della squadra ha un ottimo rapporto con tutti. Ci vediamo spesso con Juan Jesus e poi in ritiro dormono insieme e hanno legato molto. Si trova bene anche con Handanovic, sono due tipi molto intellettuali, molte volte si vedono per giocare a scacchi. Io gli dico sempre che è un nerd!».

IL MESSAGGIO DI ERICA«Gli dirò che ora a trent’anni deve smettere di fare capriole, non ha più l’età! Scherzi a parte, spero che continui a farne tante altre, sta ricevendo grandi soddisfazioni dal calcio e io devo ringraziarlo per tutto quello che fa in famiglia».