La gag tra Cassano e Guarin, con lo scherzo del barese

Articolo di
19 maggio 2015, 11:11
Cassano Guarin

Intercettato dai microfoni di “Tiki Taka – Il calcio è il nostro gioco” durante la serata benefica organizzata del connazionale Ivan Cordoba, Fredy Guarin parla di beneficenza, Inter e inscena una divertentissima gag con Antonio Cassano.

CORDOBA ESEMPLARE – Ecco le parole di Fredy Guarin su Ivan Cordoba: «Cordoba è un mio amico, sta facendo una cosa molto importante per tutti i bambini colombiani, che hanno bisogno di una mano e di tante cose. Ivan è sempre stato un esempio in campo e fuori dal campo, è una gran brava persona».

FINALE DI STAGIONE – Il colombiano parla anche dell’Inter, che sogna disperatamente la qualificazione in Europa League: «Abbiamo due finali importantissime, sappiamo che si tratta delle partite più importanti degli ultimi anni».

LA GAG CON CASSANO – Vista la presenza in studio di Antonio Cassano, i due si lasciano andare a una gag molto divertente.

Guarin: «Cosa ridi Cassano?»

Cassano: «Fredy, non dire anche tu che sono matto!»

Guarin: «Mi manca tanto Antonio. Tu sei un loco, però bueno (un matto buono, ndr)»

Cassano: «In quattro anni non hai ancora imparato l’italiano, com’è possibile? Io sono trentatré anni che non l’ho imparato, peggio di te (ridono, ndr)».

LO SCHERZO DI CASSANO – Infine, il numero 13 dell’Inter racconta un aneddoto del periodo nerazzurro di Cassano, prendendo come spunto il suo scherzo più divertente: «Una volta ha preso il telefono del Dottore (probabilmente Combi, ndr) e ha mandato un messaggio a tutti dicendo che era morto uno e poi al Dottore gli sono arrivati 200 messaggi».