Kovacic: “L’Inter è casa mia”

Articolo di
24 luglio 2015, 10:43
kovacic

Kovacic dimostra di apprezzare il nuovo ruolo di regista basso che Mancini gli ha assegnato: “È il mio ruolo”. Felice di essere all’Inter, la considera casa sua

POSTO IDEALE –  Alla domanda su come si senta all’Inter: «Bene, all’Inter sono felice come a casa mia. Ecco perché non mi piace se si parla di mercato, di altre squadre che mi vogliono, di trattative o di argomenti del genere. Io mi trovo bene e voglio stare qui».

IL RUOLO DI REGISTA «È il mio ruolo. Lì mi trovo benissimo e se vi ricordate quando sono arrivato all’Inter con Stramaccioni giocavo in quella posizione. Poi sono stato utilizzato anche in altre parti del campo, ma forse è davanti alla difesa che posso dare il massimo. Questo ruolo lo sento mio, fatto apposta per me».

PUNTI DA MIGLIORARE –  «Devo fare progressi dal punto di vista tattico e nella fase difensiva. Sento dire da qualcuno che sono molto scarso nell’interdizione (sottolineatura polemica con il sorriso sulle labbra, ndr), ma do sempre il massimo».

I GIOCATORI A CUI SI ISPIRA – «Inizio con una premessa: non c’è un calciatore uguale all’altro. Io sono Kovacic e basta. I paragoni li fanno gli altri e a me non piacciono molto. Detto questo, come registi “bassi” mi ispiro a Pirlo e Modric».

SU MODRIC E PIRLO – «A Kovacic di Modric poace «Il modo che ha di stare in campo, la classe e la leadership. Pirlo è unico, un giocatore eccezionale. Un altro come lui non esiste: è elegante, spettacolare e per la sua squadra è fondamentale».

PIRLO, TEVEZ E VIDAL VIA – «Se ne sono andati tre giocatori sicuramente importanti, ma questo per noi non è il momento di guardare la Juve o di parlare dei bianconeri che hanno vinto gli ultimi 4 scudetti di fila. Secondo me attualmente la Juventus è più avanti e dobbiamo fare il possibile per colmare questo gap partendo dal presupposto che siamo forti e che dobbiamo far meglio rispetto alle ultime due».