Klinsmann: “L’Inter è per i top player, Mancini è l’uomo giusto”

Articolo di
18 giugno 2015, 16:31
Klinsmann

Jurgen Klinsmann si trova attualmente a Milano in compagnia del figlio Jonathan, che in questi giorni sta effettuando un percorso di crescita assieme a Luciano Castellini, il numero uno per i portieri. L’ex bomber nerazzurro ha rilasciato una bella intervista a ‘La Gazzetta dello Sport’, dove ha parlato delle buone sensazioni per la rinascita della squadra allenata da Mancini.

CASTELLINI – «Con mio figlio siamo in Europa per le vacanze, prima abbiamo fatto visita allo Stoccarda ed ora all’Inter: voglio che cresca nei fondamentali, per questo ho deciso di portarlo da Luciano, che nel suo ruolo è il numero uno. Segue i nerazzurri e come loro anche tutte le altre squadre in cui ho giocato».

THOHIR – «Dopo ogni cambiamento che avviene nei piani alti di una società, serve del tempo per ricostruire tutto: passare da una proprietà all’altra comporta dei problemi, ma sono sicuro che Erick Thohir con la sua sapiente guida porterà enormi benefici. Non si può avere tutto e subito, per raggiungere gli obiettivi bisogna andare cauti e i risultati arriveranno».

INTER ANCORA TOP – «A livello globale è considerato ancora come uno dei migliori club, non ha subìto alcun contraccolpo sotto il punto di vista dell’immagine. Io consiglierei l’Inter a tutti i giocatori più forti, è una società che conta fortemente nel mondo del calcio».

MANCINI – «L’esperienza in Inghilterra lo ha arricchito, ha occhio e conoscenze internazionale. Anche lui ha bisogno di tempo ma i tifosi possono stare tranquilli: è l’uomo giusto per la ripartenza della squadra».