Joao Mario e Gabigol: bravi, giovani e duttili – GdS

Articolo di
27 agosto 2016, 09:43
Joao Mario

La “Gazzetta dello Sport” traccia un identikit di Gabigol e Joao Mario, i due nuovi arrivi in casa Inter. Entrambi freschi vincitori con le rispettive nazionali, garantiscono un’iniezione di tecnica, gioventù e duttilità.

GIOVANI E DUTTILI – Bravi, soprattutto giovani e duttili tatticamente. La “Gazzetta dello Sport” spiega che Suning ha imposto que­sta linea di mercato in casa In­ter. Ecco spiegati i «no», fra gli altri, a Touré (classe 1983) e Zabaleta (gennaio 1985) che tanto hanno irritato Mancini, ecco spiegata la caccia milionaria a Joao Mario (classe 1993) e a Gabigol (1996), ovvero a uno dei veri simboli del Portogallo campio­ne d’Europa e alla fresca meda­glia d’oro olimpica.

PREDESTINATO – Gabigol oggi è la grande speranza del calcio brasiliano, erede di Neymar assieme a Ga­briel Jesus. Già, la Seleçao che ha appena trionfato a Rio ave­va tre stelle: una, ai tempi, scel­se Messi e il Barça (Neymar); l’altra è volata da Guardiola al City; la terza, appunto Gabi­gol, ha voluto l’Inter. Un segna­le di forza da parte di Suning, una buonissima cosa per il no­stro calcio in generale. Barbosa esce dalla presti­giosa scuola del Santos, dove nelle giovanili ha messo ha segno oltre 600 reti: 4 pre­senze e 2 gol nella Seleçao dei grandi, già 84 presenze e 24 gol nel massimo campionato brasiliano. Là davanti sa fare un po’ tutto, sia a due sia nel tridente, in ogni modo è soprattutto una seconda punta che vede la porta.

DUTTILE – João Mário Naval da Costa Eduardo è un interno di centrocampo di gran gamba, buonissima tecni­ca e forte personalità. All’oc­correnza sa muoversi anche come punta esterna in un tri­dente, o come esterno nel 4­-4­-2, ma non ci sono dubbi che il portoghese dia il massimo come mezzala. Al­l’Europeo, vinto in Francia, Jo­ao Mario è stato forse il miglio­re fra i suoi, mostrando grande leadership, soprattutto in fina­le nei faccia a faccia con Pogba: particolarmente confortanti i duelli fisici vinti contro uno dei giocatori più potenti a livello internazionale.

Facebooktwittergoogle_plusmail