Inter, vietato fallire! Suning vuole l’EL: pronto nuovo sponsor?

Articolo di
28 settembre 2016, 23:51
Zhang Suning Inter

L’Inter affronterà la trasferta di Praga con più pressione del previsto: ciò si evince dall’articolo pubblicato sulla versione online del “Corriere della Sera”, che estende il discorso alla trasferta di Roma e soprattutto a fattori economici, quali i premi promessi da Suning e il nuovo sponsor in arrivo

ULTIMA SPIAGGIA EUROPEA – “I bonus sono già finiti e l’Inter non ha alternative. Lo schianto a San Siro contro gli israeliani dell’Hapoel Be’er Sheva non è stato solo un traumatico ritorno-esordio in Europa League, ha rischiato pure di chiudere in fretta e furia l’avventura di Frank de Boer sulla panchina nerazzurra. La sconfitta è stata il punto più basso nella breve gestione del tecnico olandese, ha lasciato scorie pesanti come l’esclusione di Marcelo Brozovic e ha segnato una svolta”.

PREMI EL E NUOVO PONSOR – Dopo lo 0-2 con l’Hapoel, l’Inter è riemersa dal pozzo. Domani sera però a Praga è obbligata a vincere, la coppa non aspetta e la proprietà cinese tiene molto al trofeo, tanto da aver promesso un sostanzioso premio per il passaggio del turno. E qualificarsi potrebbe dare anche un’ulteriore spinta alla trattativa con il gruppo di telecomunicazioni cinese ZTE, intenzionato a diventare uno degli sponsor del club”.

TEST PRIMA DELLA ROMA – “L’Inter non ha margini di errore, per il cuore e per gli affari (premi e sponsor). L’allenatore olandese però ha una rosa mutilata dal Fair Play Finanziario UEFA. La seconda uscita di coppa non è un test, piuttosto è un esame di riparazione in vista del match di domenica sera all’Olimpico con la Roma, ultimo prima della pausa per le Nazionali. Deve essere anche l’occasione per sbloccare una squadra che finora ha vissuto solo sulle reti di Mauro Icardi e Ivan Perisic, possibili riserve a Praga. E per rimettere l’Inter sul treno qualificazione”.

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Andrea Turano
Nato nell’era Bagnoli, ma svezzato da Simoni, vive la sua vita in nero e azzurro. Parla di Inter ventiquattro ore al giorno, nel tempo libero si limita a scrivere, sempre di Inter. Sogna di lasciare un ricordo indelebile nella storia della Beneamata, come Arnautovic. E’ un tifoso sfegatato come tanti, ma obiettivo come pochi.