Inter tra campionato ed Europa: differenze e similitudini – CdS

Articolo di
1 ottobre 2016, 12:44
Sparta Praga Inter

L’edizione odierna del “Corriere dello Sport” traccia un interessante parallelo tra l’Inter che va in scena in campionato e quella che si mostra in Europa League. Andiamo a scoprire le differenze e le similitudini, fermo restando che la diversità di giocatori impiegati ha fino a qui fatto la differenza.

PAZZA INTER«A rendere sinistramente simili la versione italiana e quella europea dell’Inter c’è l’abitudine di andare sistematicamente sotto nel punteggio. In Serie A è successo 5 volte su 6 e i nerazzurri hanno collezionato 2 successi, 2 pari e una sconfitta, mentre in Europa League 2 volte su 2 con altrettante battute d’arresto. Altri punti in comune: l’incapacità di trovare la rete con molti giocatori (2 in Italia, 1 in Europa) e di subire sempre gol (5 volte su 6 in A, 2 su 2 in Europa League). Il diverso spessore delle prestazioni in campionato è causato dagli uomini utilizzati: Joao Mario è già un giocatore fondamentale e con lui in campionato sono arrivate 3 vittorie su 3. Icardi, 6 reti in A, in Europa League ha totalizzato appena 37’. A Praga era in panchina, mentre Mourinho, che doveva vincere dopo il ko all’esordio in Europa, nello United ha schierato dall’inizio Ibrahimovic. La squadra che ha finora giocato spesso in Serie A, con Perisic, Medel, Miranda, Joao Mario e Icardi, ha certezze che quella d’Europa League non ha. L’unica consolazione per gli interisti è che domani all’Olimpico giocheranno i titolari, ma l’euro-cammino è in salita. Nel 2006-07 l’Inter centrò la qualificazione dopo due sconfitte nelle prime due gare del girone di Champions. Succederà di nuovo?».

Facebooktwittergoogle_plusmail