Inter sbilanciata col 4-2-3-1, ecco le alternative – GdS

Articolo di
4 ottobre 2016, 11:08
de Boer Banega

La “Gazzetta dello Sport” sottolinea che l’Inter col 4-2-3-1 schierato fino ad oggi da Frank de Boer ha poco equilibrio difensivo. I troppi giocatori offensivi non sono sostenibili, quindi si potrebbe ipotizzare un cambio di modulo.

SCARSO EQUILIBRIO – L’altra sera a Ro­ma si è avuta l’ennesima dimo­strazione che, com’è struttura­ta oggi, l’Inter non ce la fa a sorreggere con continuità Icar­di più tre giocatori offensivi o con mentalità offensiva come Candreva, Banega e Perisic. Il filtro difensivo nella struttura di de Boer è affidato solo a Medel e Joao Mario, e sembra difficile che possa reggere. La rosa dell’Inter offre più soluzioni, che il tecnico potrebbe esplorare.

PRIMA ALTERNATIVA – Secondo la “Gazzetta dello Sport” potrebbe essere utile un cambiamento. Il centro di tutto è Banega. L’argentino ha doti qualitative di gestione della palla indiscutibili e centrali in questa Inter. Il problema è che anche a lui capita di sbagliare, soprattutto perché gestisce cento palloni e nelle oc­casioni in cui gli capita di vedersi sfilare la palla o di spenderla male, spesso non scattano le coperture preventive e gli av­versari fanno partire riparten­ze cattive. Una soluzione potrebbe essere schierarlo trequartista con dietro un centrocampo a tre più robusto, composto da Kondogbia o Brozovic, Medel e Joao Mario. Un calssico 4-3-1-2 a rombo, che gli interisti conoscono bene. I sacrificati sarebbero gli esterni Candreva e Perisic, a meno di reinventarli rispettivamente interno e seconda punta.

SECONDA ALTERNATIVA – Seconda alternativa possibile per de Boer il 4-3-3 puro. In questo caso il sacrificato sarebbe Banega, che è un 10 e ama giostrare da trequartista e risulterebbe troppo limitato dai compiti tattici di questo modulo. Candreva e Perisic però sarebbero liberi di esprimersi al meglio

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Giulio Di Cienzo

Giulio Di Cienzo

Giulio Di Cienzo, nasce a Milano e si costruisce negli anni una passione per il calcio equamente divisa tra razionalità e passione. La parte più calda sta in Sudamerica, l’unico tifo è per l’inter.