Inter-Milan: il gol non deve arrivare solo dall’attacco – CdS

Articolo di
25 settembre 2016, 11:46
Inter-Juventus Felipe Melo

Mauro Icardi ha iniziato nel migliore dei modi la stagione realizzando 6 reti sulle 7 dell’Inter. I nerazzurri ora hanno però bisogno dei gol degli altri reparti e non solo dell’attacco. Ecco quanto scritto dal “Corriere dello Sport”

DERBY – “Le due milanesi sono le uniche due formazioni che non hanno “spremuto” neppure un gol dalla retroguardia o dalla mediana visto che Montella ha avuto le 8 reti finora messe a segno da 3 giocatori: Bacca (5), Niang (2) e Suso (1). Scena muta da parte di centrocampisti e difensori rossoneri. Un derby nel derby: quale reparto si sbloccherà prima? Succederà in Inter-Bologna o in Fiorentina-Milan? Il dubbio rimane, ma di certo le altre 18 squadre della Serie A non hanno questo problema. La Juventus segna con tutti i reparti, non solo con lo scatenato Higuain, ma, considerato il valore delle rose a disposizione, sono Chievo e Atalanta i casi più eclatanti: i gialloblù veronesi hanno trovato gol sia dalla difesa (Gamberini e Cacciatore) sia dal centrocampo (Nicola Rigoni, Castro e Birsa), mentre nell’Atalanta ha segnato un solo attaccante (un centro per Petagna), ma in compenso si sono dati da fare Toloi (1) e soprattutto Kessié (4)”.

DE BOER – “Di certo questo aspetto non è passato inosservato a De Boer anche perché l’ex allenatore dell’Ajax, che in Olanda aveva in termini di gol un aiuto proporzionale, ma tangibile da parte di tutti i reparti, sa bene che la sua Inter sarà davvero pericolosa solo quando avrà più marcatori e non dipenderà dal solo Icardi che certo non potrà continuare tutta la stagione con la media di oltre un gol a partita”.

Facebooktwittergoogle_plusmail
The following two tabs change content below.
Crescenzo Greco

Crescenzo Greco

Crescenzo Greco, nasce a Foggia il 20 aprile del 1995. Grazie a sua zia è interista fin da bambino. Josè Mourinho l’idolo incontrastato, Adriano quello d’infanzia. Dopo aver raggiunto la maturità scientifica si è trasferito a Milano per inseguire il sogno di diventare giornalista sportivo e studiare “Comunicazione e Società” presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.