Inter, le gioie e i rimpianti delle giovanili – GdS

Articolo di
12 ottobre 2016, 12:44
Senna Miangue

La “Gazzetta dello Sport” ha oggi confrontato i settori giovanili di diversi club di Serie A in base alla capacità di portare in prima squadra giocatori cresciuti nel vivaio. L’Inter può sorridere per alcuni talenti come Senna Miangue e Andrea Pinamonti, ma non mancano i rimpianti

ROMA E MILAN – “In un calcio in cui le squadre potessero schierare solamente giocatori cresciuti o almeno passati per il vivaio, la Roma sarebbe la grande favorita. E il Milan – che negli anni d’oro col vivaio aveva costruito la difesa più solida del mondo – sarebbe la prima antagonista, Inter e Juventus a seguire.”

RIMPIANTI INTER – “Non abbiamo considerato chi deve ancora debuttare (il promettentissimo Kean della Juve o Pinamonti dell’Inter) e chi ha lasciato il calcio: rifacendolo tra un anno – sempre che Totti smetta davvero – vincerebbe il Milan, con la crescita dei vari Donnarumma, Locatelli e Calabria. I rossoneri hanno lanciato una gran batteria di punte – Borriello, Paloschi, Petagna, Matri e Maccarone – e contando Abate e De Sciglio sono la squadra che ha tenuto il maggior numero di ragazzi cresciuti in casa, rimpiangendo Astori e Darmian. All’Inter è andata peggio: pescarono Bonucci in C2, lo fecero debuttare e poi partire, Destro lo hanno dato al Genoa per Ranocchia, mettendoci pure un bel conguaglio. I migliori sono arrivati adolescenti: Balotelli, Pandev, Duncan e l’ultima speranza, Senna Miangue.”